Archivio

Archivio per agosto 2012

Iphone 5 Apple: Iphone 5 e Samsung Galaxy s3 un rapido confronto

31 agosto 2012 Nessun commento

L’Iphone 5 sarà equipaggiato di una versione 2.0 della famosa applicazione Siri. Siri è un sistema di riconoscimento vocale nato per supportare funzionalità vocali diverse. Il problema è che la versione montata sull’Iphone 4s ha destato non poco malcontento; c’è stato un consumatore americano che ha organizzato una class action contro l’azienda di Cupertino sostenendo che Siri non è all’altezza delle promesse fatte dalle Apple.

Per l’Iphone 5, invece, pare sia stata implementata una versione 2.0 capace, tra le altre cose, di procedere alla lettura di e-book, documenti ed e-mail. Funzionare come un vero e proprio assistente personale nel fornire informazioni sui prodotti durante un’esperienza di shopping. Infine dovrebbe essere perfettamente integrato su tutti gli altri device che montano IOS 6.

Per quel che riguarda il Samsumg Galaxy S3, la Samsung è al lavoro sull’aggiornamento Android 4,1 Jelly Bean per il suo fiore all’occhiello Galaxy S3 è emersa oggi. Su Youtube è stato caricato un video dove viene mostrata in anteprima la ROM ufficiale di Samsung Jelly Bean 4.1.1 per il modello I9300 (Galaxy S3).

Tag:

Iphone 5 Apple: prezzo in rialzo per il nuovo iphone dopo la sentenza contro Samsung

31 agosto 2012 Nessun commento

Iphone 5 Apple: prezzo in rialzo per il nuovo iphone dopo la sentenza contro Samsung

Sarà ufficialmente presentato il prossimo 12 settembre il nuovo iPhone 5, per poi arrivare sul mercato ad ottobre con tante novità. Si parte dal processore Apple A5X dual core con frequenza operativa di 1 Ghz, un design più sottile rispetto a quello dell’iPhone 4 e iPhone 4S, un display multi touch da circa 4 pollici e una fotocamera posteriore da 8 megapixel.

Tra le altre novità dovrebbero essere presenti anche la connettività LTE 4G, 1 GB di memoria RAM e la possibilità di consentire pagamenti tramite NFC. L’Iphone 5 potrebbe a causa della recente polemica giudiziaria che ha visto Apple scontrarsi contro Samsung. Il verdetto, favorevole alla Apple, ha stabilito che Samsung ne ha violato proprietà intellettuali e brevetti, condannando il colosso coreano al pagamento di un miliardo e 51 milioni di dollari a favore dell’azienda di Cupertino.

La Apple, nel frattempo, ha imposto il ritiro, dal mercato americano, di tutti i prodotti Samsung interessati dal verdetto. Apple avrebbe deciso di mettere in vendita il nuovo iPhone 5 allo stesso prezzo dell’iPhone 4S, ovvero, 199, 299 e 399 dollari rispettivamente per i modelli da 16GB, 32GB, e 64GB. E se inizialmente questa decisione era stata presa per essere concorrenziale rispetto al Samsung Galaxy S3 che sta ottenendo un enorme successo sul mercato mondiale, le ultime vicende legali che hanno visto contrapporsi Apple e Samsung potrebbero cambiare lo scenario del mercato portando i prezzi del prossimo iPhone a crescere.

Tag:

Rumor: Previsto il lancio di iPad Mini per il mese di Febbraio

31 agosto 2012 Nessun commento
agosto 31st, 2012 No Comments

Messaggio pubblicitario Fine messaggio pubblicitario

Ad avvalorare la teoria della presenza di iPhone 5 oggi è un tracciato, eseguito dallo sviluppatore Marco Armet ideatore di Instapper, che conferma la presenza di accessi al server tramite dispositivi identificati come iPhone 5. In questi giorni sembra non essere una grande novità, visti i precedenti rumor, ma un dato interessante emerso riguarda la presenza del Mini iPad in fase di test.

Dal tracciato si evidenzia che il mini iPad sembra essere dotato dello stesso hardware di iPad 2 del 2012, fondamentalmente il mini dispositivo avrà un processore A5 dual-core da 1Gz e 512 MB di Ram e forse dotato di connessione 4G LTE, il dispositivo rilevato dal server è la versione hi-fi-GSM.

Armet sostiene, dopo aver esaminato la frequenza di test sui precedenti dispositivi, che il Mini iPad potrebbe essere presentato nel mese di Febbraio, mentre esclude una probabile presentazione per il 12 Settembre in concomitanza di iPhone 5.

Se volete approfondire l’argomento, qui trovate il report completo.

Ti potrebbe interessare anche:

You can leave a response, or trackback from your own site. Segnalalo su OkNotizie

Tag:

Samsung vs. Apple, a Tokyo i giudici danno ragione ai coreani

31 agosto 2012 Nessun commento

Il tribunale giapponese ha stabilito che non è stato copiato il sistema di sincronizzazione della Mela

Samsung ha segnato il gol della bandiera contro Apple. Il tribunale di Tokyo, cui Cupertino si era rivolta lamentando l’ennesima violazione di un proprio brevetto da parte dei coreani, ha infatti rigettato l’accusa. Apple pretendeva che Samsung avesse copiato la propria tecnologia relativa alla sincronizzazione dei file multimediali tramite diversi device e con i propri server.

A Seul non è parso vero di poter tornare in campo così presto per la rivincita, dopo che meno di una settimana fa era stata condannata da un tribunale americano a versare oltre un miliardo di dollari a Apple per avere infranto tutta una serie di brevetti, legati in quel caso a tecnologie differenti come  bounce-back e pinch-to-zoom. “ Apprezziamo la decisione della corte, che conferma quanto sosteniamo da sempre: i nostri prodotti non violano alcuna proprietà intellettuale di Apple”, ha commentato Samsung, mentre da parte di Apple non è ancora arrivata alcuna reazione.

È sicuramente singolare il fatto che due decisioni apparentemente contrastanti arrivino a pochi di distanza con i giurati statunitensi schierati a favore dell’azienda californiana e il tribunale giapponese in supporto del colosso asiatico. Tant’è: di dispute fra le due aziende ce ne sono state e ce ne sono altre in corso. Come non ricordare il Galaxy Tab 10,1 bannato lo scorso anno dall’Ifa di Berlino a manifestazione appena iniziata? O il verdetto del tribunale coreano che ha vietato la vendita di iPhone 3GS, iPhone 4, iPad 1 e iPad 2 in Corea, ritenuti colpevoli di violare tecnologie di Samsung, a cui per altro è stato vietato di vendere nel proprio paese il Galaxy S2, colpevole delle stesse violazioni per cui l’azienda è stata condannata in America?

La battaglia fra le due corazzate proseguirà nei prossimi mesi. Il 6 dicembre si tornerà davanti al giudice in America per una decisione sulla richiesta di Apple di vietare la vendita dei prodotti per cui Samsung è stata condannata e di cui ha già venduto 22,7 milioni di pezzi. Fra questi non c’è l’ultimo smartphone, il Galaxy S III. Nel frattempo Samsung preparerà il proprio ricorso in appello. E intanto procedono altre dispute fra le due aziende in diversi paesi: Italia, Olanda, Gran Bretagna, Germania e Australia. Proprio qui Samsung ha già accusato Apple di violare brevetti sul 3G. Secondo i giornali coreani, come ha riportato TechRadar, Samsung è pronta ad aprire la battaglia sull’uso da parte di Apple della tecnologia Lte nell’ iPhone 5, dopo che questa è già stata usata nell’iPad 3.

Quella fra Samsung e Apple non è l’unica battaglia dei brevetti. Se è vero, come è vero che Steve Jobs aveva giurato morte ad Android, ecco infatti che Apple ha altre cause aperte con Htc e Motorola. E proprio Motorola, da pochi mesi definitivamente nelle mani di Google, ha avviato negli Stati Uniti una causa per violazioni dei propri brevetti da parte di Apple, chiedendo la messa al bando di alcuni iDevice. Secondo rumor riportati da  Reuters però proprio in questi giorni i Ceo di Apple e Google si sarebbero sentiti per cercare di trovare un accordo sui brevetti. Un modo di mettere fine alla guerra fra iOS e Android. La notizia è trapelata pochi giorni dopo che in una causa aperta in Germania fra Motorola e Apple le due società hanno raggiunto un accordo, come riportato da Engadget, che nessuno ha commentato e che presuppone l’ammissione di alcune violazione da parte di Apple, disposta a firmare un accordo per lo sfruttamento di alcuni brevetti di Motorola. 

(Credits per la foto: Corbis)

 

Tag:

iPhone 5: il chip A6 in foto

31 agosto 2012 Nessun commento
Apple A6

Le indiscrezioni su iPhone 5 si susseguono ormai da parecchi mesi, ma finora non era giunta alcuna informazione precisa sul processore in dotazione. Grazie a delle immagini appena condivise in Rete, è possibile notare la scheda logica del nuovo melafonino e, nello specifico, il tanto vociferato chip A6.

Vari rumor in passato indicavano la possibilità che Apple avesse scelto il chip A5x per iPhone 5, ovvero lo stesso montato sul nuovo iPad, ma dando un’occhiata alla scheda madre trapelata in Rete, si può comprendere come Apple abbia lavorato in questi mesi a una nuova generazione del proprio processore.

La sigla A6 nella logic board, priva peraltro della protezione metallica sul processore, svela dunque la probabile adozione di un Sistem on Chip (SoC) next-gen rispetto all’Apple A5 montato su iPhone 4S. L’autenticità della fonte non è comunque ancora stata verificata.

Il nuovo iPhone dovrebbe avere una risoluzione del display Retina pari a 1136×640 pixel, quindi per A6 potrebbero bastare “solo” due core, mentre l’Apple A5X del nuovo iPad è munito di quattro core grafici, necessari per sostenere il grande display da 9,7 pollici che possiede il tablet. Apple ha probabilmente ritenuto che non sia assolutamente necessario disporre su iPhone 5 di un chip della stessa potenza richiesta per iPad, ecco perché sarebbe nato l’Apple A6.

Non è comunque da escludere che il processore Apple A6 possa anche essere un completo quad core, con quattro core per la CPU e quattro core per la GPU. Bisognerà attendere ulteriori informazioni per saperne di più a riguardo, che verranno sicuramente svelate durante il keynote di presentazione di iPhone 5, previsto per la seconda settimana di settembre.

Se vuoi aggiornamenti su iPhone 5: il chip A6 in foto inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Tag:

Washington D.C… quello che ho visto… e quello che avrei voluto vedere.

30 agosto 2012 Nessun commento
Continua il resoconto del viaggio di nozze (ecco, diciamo che siamo agli sgoccioli, questa è la penultima tappa percorsa in 15 giorni, la terza settimana l’abbiamo passata a New York), mentre scrivo non posso che lanciare un’occhiata alla valigia aperta sul pavimento qua accanto… domani a quest’ora saremo in procinto di decollare per Londra con il nostro bagaglio di macchine fotografiche, obiettivi ecc ecc… una nuova città, nuove emozioni, profumi, sapori ed atmosfere da raccontare con parole ed immagini…
Negli ultimi mesi ho scoperto Istagram (è già in uso da parecchio ma non avendo l’Iphone ho dovuto attendere la versione per Android), è divertentissimo condividere foto in tempo reale con tutto il mondo, se siete curiosi trovate chiharubatolecrostate anche lì, ovviemente non troverete solo cibo ma fotografie di vita quotidiana in casa mia, nella mia Seregno… e da domani inizierà anche il reportage da Londra ^^
Ma bando alle ciance… continuaiamo il nostro viaggio oltreoceano!

Ecco, non ero molto sicura di voler parlare di Washington… ma poi, come sempre, le cose o si fanno bene o non si fanno, e quindi…
Immaginate la scena… marito gasatissimo (era già stato a Washington D.C per lavoro dopo la laurea) che mi fa quasi sgaloppare per i km che ci separano dall’hotel al The Mall… “Vedrai che bello… vedrai che foto!!…corri che sennò va via il sole… la luce è perfetta…” corri corri… sgaloppa sgaloppa, arrampicati sulla scalinata del Lincoln Memorial, non guardarti indietro sennò ti rovini la sorpresa e…. girati!

… quello che avrei voluto vedere…

e quello che ho visto…

 Io ” Mmmmhhh… bello….”
Marito ” D’ oh!”

Bhè… fa quasi ridere messo così, ovviamente non sono stati i semplici “lavori in corso” a non farmi apprezzare pienamente questa città, forse semplicemente la facciata troppo istituzionale del suo insieme (unita ad un tasso di umidità decisamente troppo elevato per la mia asma!), arrivavo dalla Amish Country e avevo ancora negli occhi i paesini Amish, le zucche e i calessi…
Di conseguenza non mi dilungherò molto con la descrizione, di Washington ho apprezzato il mercato agricolo di cui già avevo parlato in un post a tema e i musei gratuiti appartenenti al complesso museale Smithsonian di cui noi abbiamo visitato il National Air and Space Museum . 

 In questa città abbiamo avuto modo di scoprire un paio di catene interessanti per quanto riguarda il cibo, le abbiamo ritrovate anche a New York e ci tenevo ad indicarvele, si tratta di Potbelly, una vera panineria con pane vero (fatevi 3 settimane in America e capirete perchè sottolineo il termine “vero”), l’arredamente è molto rustico con tavoli e pareti in legno, al bancone puoi scegliere il tipo di pane (bianco, nero, ai cereali, all’olio), la farcitura (con salumi, formaggi, olio EVO). Oltre ai panini c’era anche la possibilità di scegliere delle insalatONE degne di tal nome, io mi tuffavo letteralmente nella mia Uptown salad con pollo, mele, cranberries, noci pecan caramellate ed uva!!!! Goduriosissima, ah, e per condire la scelta spaziava dall’olio EVO, aceto balsamico, tradizionale ecc… lontano anni luce dai dressing pannosi che usano di solito propinare da quelle parti!
Un’altra catena interessante che noi abbiamo benedetto in quanto gran divoratrici di insalata è Sweetgreen, un vero Fast Food dell’insalata, impazzivo per la sua organizzazione: 

Step 1: scegli la foglia (spinaci, rucola, romana, misticanza…)

Step 2: scegli l’ortaggio (barbabietole, broccoli, cocomero, uva, cipolla, peperoni, germogli… legumi, semi, erbe aromatiche…)

Step 3: scegli il CRUNCH ossia tutto ciò che morsicato produce un bel “Crunch crunch” sgranocchioso ^^ (semi, sfoglie di parmigiano, mirtilli secchi, noci, tortilla chip, crostini…)

Step 4: aggiungi le proteine ( uova, pollo, gamberi, tofu, falafel, bacon)

Step 5: aggiungi un po’ di formaggio

Step 6: scegli il condimento

Terminata la realizzazione della super ciotolona (ah, per ogni passaggio un addetto ti riempie la ciotola con quanto tu sceglievi) prendi il tuo lauto pasto (volendo è possibile avere un bel tozzo di pane a lievitazione naturale) e ti sedi ad uno dei tanti tavolini!

Ecco, questa è stata la penultima tappa del nostro viaggio negli USA, abbiamo poi percorso le ultime miglia sulla nostra automobile a noleggio prima di riconsegnarla a New York e abbandonarci per 7 giorni alla frenetica ed adrenalinica Grande Mela!

Per ora vi saluto, domani partenza per Londra… al mio rientro concluderò con New York !

Nel frattempo vi aspetto su Instagram, daaiiii!!! ^^

Tag:

Come videochiamare con Android

30 agosto 2012 Nessun commento

Come videochiamare con Android

I tuoi amici muniti di iPhone continuano a vantarsi del fatto che possono videochiamarsi gratuitamente a vicenda usando FaceTime? Evidentemente non sanno che tu, con il tuo smartphone Android, puoi fare lo stesso avendo a disposizione diverse soluzioni semplici e gratuite.

Non sai di cosa sto parlando? Allora bisogna correre subito ai ripari! Leggi queste indicazioni su come videochiamare con Android che sto per darti e scegli quale applicazione preferisci fra quelle che ti segnalerò. E dopo non dimenticare di videochiamare i tuoi amici per farli rimanere di sasso!

GUARDA: PROGRAMMI PER VIDEOCHIAMATE



Se vuoi scoprire come videochiamare con Android, ti consiglio di affidarti ad un software che molto probabilmente conosci già bene. Mi riferisco a Skype che è disponibile anche in una versione per dispositivi Android e permette di fare su questi ultimi tutto quello che si può fare su PC: chiamare gratis via Internet, chattare, effettuare chiamate internazionali a prezzi vantaggiosi e realizzare videochiamate. Quest’ultima funzione, però, può essere sfruttata solo su determinati smartphone, quelli di fascia più alta dotati di fotocamera frontale.

Se disponi di un Android Phone di questo tipo, puoi realizzare videochiamate con Skype per Android semplicemente installando la app sul tuo telefono (si trova gratuitamente su Google Play) ed effettuando l’accesso con il tuo account (se non ne hai uno, puoi crearlo direttamente dall’applicazione). Accedi dunque alla lista dei Contatti, pigiando sull’apposita icona, ed avvia la tua conversazione in video selezionando prima il nome della persona da contattare e poi il pulsante per la videochiamata.

Le videochiamate fra utenti di Skype sono gratuite e possono essere effettuate anche fra dispositivi diversi. In sostanza, puoi anche realizzare delle videochiamate con persone che non sono collegate da uno smartphone ma da un computer o un tablet. Per maggiori informazioni, consulta la mia guida su come videochiamare con Skype Android.

Un’altra ottima app che consente di videochiamare con Android gratis è Tango. Disponibile non solo su Android ma anche per computer e tablet basati su varie piattaforme, Tango permette di videochiamare (e chiamare) tutti gli altri utenti del servizio gratuitamente, indipendentemente dal Paese in cui si trovano. Tra le sue caratteristiche principali ci sono l’estrema semplicità di utilizzo e la disponibilità di vari effetti video che permettono di rendere più divertenti le conversazioni.

Per usare Tango, scaricalo dal Google Play Store e crea il tuo account gratuito compilando il breve modulo iniziale (basta inserire nome ed indirizzo email). L’applicazione importerà automaticamente dalla rubrica del telefono i nominativi di tutti i tuoi amici che usano Tango e li aggiungerà all’elenco dei contatti. Per avviare una videochiamata, ti basterà dunque accedere alla lista dei contatti e pigiare sull’icona della telecamera collocata accanto al nome della persona con cui desideri parlare.

Anche Tango, come Skype, permette di realizzare videochiamate tra dispositivi e piattaforme diversi e funziona sia in Wi-Fi che in 3G. In questo caso, però, fai molta attenzione ai consumi, perché potresti sforare il tetto di traffico del tuo abbonamento Internet.

Foto all’inizio dell’articolo: making a call to the android robot XD

Pubblicato da Salvatore Aranzulla il 30 agosto 2012

Un libro dal linguaggio chiaro e semplice per imparare i trucchi utilizzati degli hacker per violare i sistemi informatici, scoprire le password dei PC, spiare gli altri, sproteggere documenti e file protetti senza dimenticare le giuste strategie per proteggere la propria privacy, costruirsi una nuova identità, navigare su Internet senza farsi rintracciare ed eliminare tutte le tracce di utilizzo del PC.

Tag:

Total War Battles: Shogun è su Steam

30 agosto 2012 Nessun commento

Dopo aver “invaso” l’AppStore con le versioni per iPhone ed iPad, Total War Battles: Shogun approda su Steam. Lo strategico in tempo reale sviluppato da The Creative Assembly per il publisher Sega è disponibile per il download per pc Windows e Mac al prezzo di 5,99 euro.
Vi lasciamo al trailer che offre qualche stralcio di game-play ed alcune caratteristiche.

Like this:

Be the first to like this.

Tag:

Acqua pubblica: le app che trovano la fontanella più vicina

30 agosto 2012 Nessun commento

Perché dobbiamo spendere fino a 4 euro per una bottiglietta d’acqua e contribuire all’aumento dei rifiuti in plastica, quando le nostre città sono piene di fontanelle che erogano acqua perfettamente potabile? A questa domanda rispondono due utili applicazioni che permettono di localizzare la fontanella più vicina a noi. Un bel risparmio di tempo e denaro e, soprattutto, una buona notizia per l’ambiente.

La prima app di cui vi parliamo, sviluppata da Daniele Antonietti, è un’applicazione per iPhone chiamata ”Acqua Gratis“, che consente di localizzare la fontanella più vicina al punto in cui ci si trova. Un’idea molto semplice, ma davvero utile, che permette ai cittadini di risparmiare denaro e di salvaguardare l’ambiente dal costante accumulo di plastica.

Basta avere già con sé una borraccia o una bottiglia, accedere all’applicazione e il gioco è fatto: nel database di “Acqua Gratis” sono state caricate oltre 10.000 fontanelle. L’app dispone di una mappa interattiva che mostra i punti-acqua più vicini ed il percorso per raggiungerli. “Avrete la possibilità di riferire se siete a piedi o in macchina e sarete guidati attraverso il percorso più breve alla fontanella da voi scelta (con percorsi pedonali o strade)” si legge in una nota informativa dell’app. “L’applicazione vi mostrerà una lista o una mappa interattiva delle fontanelle intorno alla vostra posizione o ad una qualsiasi via di vostro piacimento (anche di un’altra città)”.

Il numero delle fontanelle censite da “Acqua Gratis” è in rapida espansione grazie alle segnalazioni degli utenti. Inoltre, a differenza di altre applicazioni simili, sono state mappate anche le città di italiane piccole dimensioni, sia in centro storico che in periferia. “Ho cercato di usare le mie capacità per uno scopo sociale, che ritengo essere molto utile, soprattutto per il periodo estivo” ha dichiarato Daniele Antonietti. ”Acqua Gratis in Italia”, per il momento, è disponibile su App Store, a pagamento, ma a breve sarà rilasciata anche la versione per Android.

L’idea Daniele, però, non è del tutto inedita: già nel 2010 un gruppo di persone aveva ideato il progetto “Fontanelle.org – Liberi di bere“, con lo scopo di realizzare la mappatura delle fontanelle presenti sia nelle città italiane che nelle città straniere. Fontanelle.org è “un progetto di design partecipativo, ideato da persone impegnate nella ricerca e nella progettazione di stili di vita ecosostenibili”, si legge sulla pagina Fb.

Si tratta di un progetto partecipativo, dove le persone possono segnalare le fontanelle che conoscono. Ad oggi abbiamo mappato 13.200 fontanelle”, hanno detto gli ideatori. “Esiste sia un’app per Android (gratuita) disponibile su Goole Play che una versione web-mobile, che consentono di trovare la fontanella più vicina. Il tutto gratuitamente”.

Va segnalato, a questo proposito, che da tempo in Italia si sta registrando la tendenza a preferire “l’acqua del sindaco” all’acqua imbottigliata. Uno studio pubblicato lo scorso anno dall’Istat, infatti,  rileva che in Italia sta crescendo il consumo di acqua del rubinetto.

Una tendenza, questa, che è destinata a rafforzarsi e che è dovuta a vari motivi: il miglioramento del gusto dell’acqua di rubinetto (grazie ad un progressivo miglioramento delle qualità organolettiche dell’acqua potabile), i maggiori controlli rispetto all’acqua minerale, il notevole risparmio economico e il minor impatto ambientale.

Per approfondire:

Nasce Eco-Water, bottiglietta ecologica per turisti e non
Studente crea app per facilitare la differenziata

Fonte: buonenotizie.it

Like this:

Be the first to like this.

Archiviato in : informazione Messo il tag: | app acqua gratis

Tag:

Restituire il proprio iPhone 4S ad Apple vale fino a 357€

30 agosto 2012 Nessun commento

Come saprete, Apple è attenta alla salvaguardia dell’ambiente e dispone di un programma di riciclaggio prodotti, accessibile mediante il sito web ufficiale. Con il programma di riuso e riciclo è possibile trasformare il vostro vecchio hardware in un nuovo Mac, iPod, iPhone o iPad. 

Essendo ormai alle porte un nuovo iPhone, sono molti gli utenti che si chiedono il valore del proprio smartphone per poterlo rivendere privatamente ad altre persone. I più curiosi però, come ad esempio il nostro Andrea Agostini, hanno voluto conoscere la stima del dispositivo, calcolandola direttamente sul sito ufficiale Apple.

Ne è risultato che per un iPhone 4S da 16 GB, in perfette condizioni, Apple offre 309€ mentre per un modello da 64GB vengono offerti 357€.

Una stima che noi reputiamo “piuttosto modesta” rispetto al reale valore di questi dispositivi. Pertanto, avendone la possibilità e qualora rientri nelle vostre volontà, vi consigliamo di vendere gli iPhone 4S ad utenti privati (magari attraverso inserzioni nel mercatino di iSpazio su Facebook).

Se siete curiosi di provare le varie configurazioni sul sito Apple per calcolare una stima di altri dispositivi, accedete alla pagina del sito ufficiale cliccando qui.

Tag: