Archivio

Archivio per agosto 2013

Sword & Glory: cavalieri medievali su iPhone 4S

31 agosto 2013 Nessun commento
Home >> News >> Sword & Glory: cavalieri medievali su iPhone 4S

Pubblicato da Redazione Games969.com in News | Commenti disabilitati

Con Sword & Glory, i designer di Ifelse Media hanno espresso il proprio punto di vista su una compagine storica di immediato interesse, ovvero le vicissitudini feudali medievali, includendo in questo titolo per iPhone 4S schiere di guerrieri affiliati o…

Potrebbero interessarti anche…

Il contenuto presente su questo sito è protetto da copyright e pertanto non è modificabile, copiabile e/o distribuibile se non previa autorizzazione dei proprietari. Questo sito non è in alcun modo affiliato a Sony e co., i loghi e le immagini sono dei rispettivi proprietari.

Tag:

Patent Troll: ecco perchè la qualità delle chiamate FaceTime è diminuita

31 agosto 2013 Nessun commento

Nel lontano 2010, quando FaceTime venne presentato insieme all’iPhone 4, Steve Jobs affermò che Apple avrebbe rilasciato questa tecnologia come standard aperto, per dare modo a società terze di creare client compatibili su altre piattaforme e realizzare quindi un nuovo sistema di videochiamata universale. Questo, però, non è mai avvenuto per una serie di motivi. Il più importante riguarda i brevetti, e l’ormai annoso problema dei “patent troll”.

Schermata 2013-08-31 alle 16.17.42

I “patent troll” sono delle società che brevettano in modo generico tecnologie e non solo, al fine di scovare il momento opportuno per denunciare grosse aziende e chiedere in cambio delle ingenti somme di denaro. Apple è ormai tra le aziende più bersagliate dai patent troll, tanto da essere finita prima nella classifica delle più “denunciate” da società di questo tipo.

Anche FaceTime è stata coinvolta in una causa di questo tipo: la VirnetX denunciò Apple per l’utilizzo di una tecnologia di collegamento diretto per le videochiamate usata in FaceTime. Ora, dopo aver perso nel primo grado di giudizio, Apple si è vista respingere anche l’istanza di appello in Texas, stato dove i patent troll trovano terreno fertile per le loro denunce.

Il problema è che questa causa potrà costare milioni di dollari ad Apple e, peggio, la costringerà a cambiare il modo stesso di far funzionare FaceTime.

Prima che il caso VirnetX venisse a galla, quasi tutte le chiamate FaceTime venivano effettuate per mezzo di un sistema di comunicazione diretta. In sostanza, Apple verificava che entrambe le parti avessero account FaceTime validi e quindi abilitava il collegamento diretto tra i due dispositivi, senza alcun intermediario o server “relay”. Tuttavia, un numero minimo di chiamate – dal 5 al 10% – veniva comunque processato tramite un server di inoltro.

Entrambe le parti in causa, VirnetX in primis, ammettono che se Apple instada le sue chiamate FaceTime tramite un server di inoltro allora non verrà violato alcun brevetto.

Quando ad Apple è stata quindi accertata la violazione, e si è resa conto del rischio di dover pagare pesanti royalty alla VirnetX, ha deciso di ridisegnare il sistema di comunicazione delle chiamate FaceTime, attivando sempre e comunque il server di inoltro.

Secondo gli esperti, questa attivazione sarebbe partita nel mese di aprile, ed è proprio da quel periodo che molti utenti hanno lamentato problemi qualitativi con FaceTime: mentre prima tali problemi erano rari (ricordate il 5-10%?), da qualche mese la qualità delle videochiamate è diminuita e con essa anche la velocità di connessione.

Il vero problema è che i brevetti registrati dalla VirnetX sono così campi da rendere impossibile non violarli, anche perchè FaceTime avrebbe dovuto essere apertaa società terze. Solo i problemi con questa causa hanno fermato il processo di “apertura” promesso da Steve Jobs, in quanto rendere FaceTime “open” significherebbe dare la possibilità ad altri di implementare tale tecnologia, con nuovi rischi di violazione dei brevetti incriminati.

Tra l’altro, la causa VirnetX ha anche costretto Apple a cambiare le funzionalità VPN on-demand.

Bisogna quindi risolvere il problema “brevetti” negli USA, dato che il fenomeno dei patent troll è sempre più diffuso e a pagare le conseguenze, alla fine, sono anche gli utenti finali.

[via]

 

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

Tag:

Disney Action: crea i tuoi video con i personaggi di Monsters University, Incredibili, Pirati dei Caraibi e tanti altri [Video]

31 agosto 2013 Nessun commento

Alzi la mano chi non ha mai sognato di “entrare” in un cartone animato? Da oggi è possibile, grazie a Disney Action, l’App che permette di creare i tuoi personalissimi film con Mr. Incredibile, Sulley e Jack Sparrow e ovviamente…. TE!

Disney action è una divertentissima App prodotta dalla Disney in cui puoi interagire con alcuni dei suoi personaggi più celebri tra cui  Mr. Incredibile, Sulley e Jack Sparrow. L’app è ti permette di:

  • Girare dei film con Mr. Incredibile, Sulley e Jack Sparrow
  • Scoprire animazioni uniche e usarle nel Cinema per creare i tuoi film.

Una volta scelto il personaggio che più ti piace, sarai pronto per iniziare a registrare il tuo primo e personalissimo film con lui e scegliere fra più di 30 animazioni da usare: potrai flettere i muscoli con Mr. Incredibile, tirare di spada con Jack Sparrow o spaventare un amico con Sulley.

IMG_2967 IMG_2969

Oltre alle animazioni, potremmo arricchire i nostri video con accessori come il disco di Tron o lo zaino jet di Buzz Lightyear e molto altro. Giocando ed interagendo con il personaggio otterremo nuove “monete” che ci consentiranno di sbloccare nuovi filmati. E’ possibile acquistare maggiori monete nel negozio Disney infinity dove:

  • al prezzo di 1,79 Euro ci verranno accreditati 250 monete
  • al prezzo di 3,59 Euro otterremmo 600 monete
  • al prezzo di 6,99 Euro ci verranno aggiunte 1500 monete
  • al prezzo di 13,99 Euro ci conferiranno 3200 monete

IMG_2974 IMG_2975

Completato il filmato, possiamo salvarlo sul nostro dispositivo, pubblicarlo su Facebook o su YouTube o inviarlo via email. Non ci resta che scaricare questa magnifica applicazione e… “AZIONE”! Ecco alcuni video che è possibile realizzare con questa app:

Disney Action! è disponibile gratuitamente in App Store ed è compatibile con iPhone 4, iPhone 4S, iPhone 5, iPod touch (4a generazione), iPod touch (5a generazione), iPad 2 Wi-Fi, iPad 2 Wi-Fi + 3G, iPad (3rd generation), iPad Wi-Fi + 4G, iPad (4th generation), iPad Wi-Fi + Cellular (4th generation), iPad mini e iPad mini Wi-Fi + Cellular. Richiede l’iOS 5.0 o successive. Questa app è, inoltre, ottimizzata per iPhone 5.

Tag:

Scoperto exploit per il jailbreak di ios 6.1.3

31 agosto 2013 Nessun commento

Condividi!

Molti utenti sanno che tra pochi giorni finalmente verrà rilasciato il major update da parte di Apple. iOS 7.  Sicuramente gli Hacker ripartiranno cercando di trovare falle nel sistema operativo per garantire a tutti noi utenti smanettoni il jailbreak untethered dei nostri dispositivi. Nel frattempo…

Nel frattempo il famoso hacker Wincom ha trovato una grande vulnerabilità in iOS 6.1.3 , l’hacker è stato partecipe dei jailbreak avvenuti grazie al vecchio Dev Team. Nella giornata di ieri l’hacker ha pubblicato sula sua pagina twitter questo tweet :

I now have a binary that untethers 6.1.3. Needs some more work though.

— winocm (@winocm) August 30, 2013

Nel tweet l’hacker spiega di aver trovato una falla per ios 6.1.3 e di aver già avvettuato il jailbreak unthetered del suo iPhone 4 ma che nonostante questo ci vuole ancora molto lavoro prima di  incorporare il codice del jailbreak in un programma e poi distribuirlo a tutti noi. L’exploit non funziona su iOS 7  e quindi sarebbe inutile per tutti quelli che vogliono aggiornare il proprio dispositivo visto l’imminente rilascio del nuovo S.O

Voi cosa ne pensate? Aggiornerete ad iOS 7? o preferite rimanete ad iOS 6.1.3 con il jailbreak?

Condividi!

Tag:

Apple Care+ pronto al debutto anche nel vecchio continente?

31 agosto 2013 Nessun commento

iphone rotto 240x360 Apple Care+ pronto al debutto anche nel vecchio continente?

 

AppleCare+, il servizio di estensione della garanzia per alcuni prodotti della società di Cupertino, sarà presto disponibile anche in Europa. Nell’elenco di nazioni che comprende  Regno Unito, Spagna, Germania, Francia e Svizzera sarebbe inclusa anche l’Italia.

AppleCare+ fece il suo debutto negli Stati Uniti a fine 2011 quasi in contemporanea al lancio di iPhone 4S. L’attivazione di tale servizio, entro i 30 giorni successivi all’acquisto di un iPad o iPhone al costo di 100 euro, estenderebbe la garanzia del produttore a 2 anni di validità e con la protezione del prodotto da danni accidentali come cadute o esposizione a liquidi.

AppleCare in passato fu al centro di polemiche proprio nel nostro paese. Lo scorso autunno, infatti, tale servizio fu soggetto ad un indagine condotta dall’antitrust il quale decretò che le informazioni per il consumatore erano fuorvianti e che non vi fosse la sufficiente chiarezza sui servizi di garanzia di legge e su quelli offerti a pagamento, infliggendo cosi una multa di novecento mila euro. Per scanso di equivoci, in fururo, i dipendenti degli Apple Store dovranno offrire ed informare con estrema chiarezza AppleCare + per ogni cliente che entra in negozio per comprare un iPad o iPhone.

Fonte

About the author

Pego71 avatar Apple Care+ pronto al debutto anche nel vecchio continente? Pego vive a Como , è da sempre un grande appassionato di tecnologia e multimedialità in qualsiasi sua forma, ed è felice di poterla condividerla con voi attraverso questo grandissimo Blog.


Tag:

Batteria per iPhone 4/4S in offerta a partire da 7,30 euro!

30 agosto 2013 Nessun commento

Aumentiamo l’autonomia dell’iPhone con una batteria che funge anche da cover. Di seguito tutti i dettagli ed il link per accedere all’acquisto scontato.

offerta batterycover ispazio

Come di consueto, appena fiutiamo un’offerta che può essere interessante per i nostri lettori ve la segnaliamo. In questo caso si tratta di una batteria esterna che si installa direttamente sull’iPhone come una cover, con i vantaggi e gli svantaggi del caso.

Abbastanza sottile e sufficientemente potente da garantirvi diverse ore di autonomia anche quando l’iPhone è completamente scarico. Si inserisce l’iPhone all’interno e si avvia la ricarica azionando un interruttore, quando l’operazione è terminata possiamo anche rimuovere la cover o continuarla ad utilizzare con lo scopo di proteggere l’iPhone.

Le batterie supplementari di norma NON rovinano il dispositivo, così come non lo rovina la ricarica tramite il caricatore da parete o da auto. L’affidabilità del prodotto è legata al trasformatore interno (presente tanto nei caricatori quanto nelle batterie esterne) che deve erogare la giusta potenza ed in maniera stabile, così come accade con i prodotti originali Apple o certificati Apple.

In questo caso non si tratta di un prodotto certificato Apple, ma il prezzo molto basso lo rende comunque molto appetibile, in particolare al momento viene venduto ad un prezzo che è circa la metà di quello solito.

Le specifiche sono le seguenti:

  • Dimensioni: 6,5 x 1,6 x 12,5 cm
  • Peso: 64 grammi
  • Capacità: 1900 mAh

cover batteria iphone 4 nera cover batteria iphone 4 bianca

Il prodotto è compatibile solo con iPhone 4 ed iPhone 4S, se siete interessati potete acquistarlo a soli 7,30 euro cliccando qui, oppure acquistare il modello bianco ad 8 euro cliccando qui.

Se cercate una batteria per iPhone 5 o iPad, potete consultare la nostra vetrina cliccando sull’immagine di seguito.

batterie-supplementari-vetrina-ispazio

Tag:

Il jailbreak untethered di iOS 6.1.3 è stato eseguito!

30 agosto 2013 Nessun commento

Il jailbreak untethered di iOS 6.1.3 è finalmente realtà e presto potrebbe essere rilasciato all’utenza finale.

Schermata 2013-08-30 alle 16.45.45

L’hacker Wincom, in passato molto vicino al Dev Team, ha ottenuto un nuovo exploit che consente il jailbreak untethered di iOS 6.1.3. In realtà, già P0sixninja, MuscleNerd, I0n1c e altri hacker avevano confermato la possibilità di eseguire il jailbreak untethered su questa versione del firmware ma, in vista di iOS 7, si era preferito preservare gli exploit in vista di un jailbreak decisamente più “interessante” per l’utenza finale. L’exploit scovato da Wincom, invece, sembrerebbe non essere più presente in iOS 7, quindi non ci sarebbe motivo di preservarlo per un utilizzo futuro che appare improbabile, se non impossibile.

Al momento, però, l’esecuzione del codice sarebbe stata testata solo su iPhone 4 con iOS 6.1.3. Manca quindi la conferma – che potrebbe comunque arrivare a breve – degli altri dispositivi (iPhone 3GS, iPhone 4S, iPhone 5, iPod touch di quarta generazione, iPod touch di quinta generazione, iPad 2, iPad 3, iPad 4 e iPad mini) e di iOS 6.1.4.

In ogni caso, l’intenzione dell’hacker sembra essere proprio quella di rilasciare un nuovo jailbreak specifico per iOS 6.1.3 (e magari anche per iOS 6.1.4) in vista dell’attesa importante che attende gli utenti per quanto riguarda il jailbreak di iOS 7.

Come sempre, vi aggiorneremo sull’argomento non appena ci saranno novità!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

Tag:

Apple blocca le installazioni di iOS 7 non autorizzate?

30 agosto 2013 Nessun commento

Pare che la redazione di iphonehacks abbia ricevuto numerose mail dagli utenti i quali indicano un possibile giro di vite da parte di Apple che avrebbe iniziato a bloccare i dispositivi sui é installato iOS 7 senza autorizzazione, quindi senza una regolare attivazione come sviluppatore con Udid registrato. A mio modesto avviso si tratta di una tavanata colossale, vediamo perché…

ios-7-beta

Anche noi abbiamo ricevuto segnalazioni da parte di gente che si spacciava per founder o editor di blog autorevoli che ci chiedevano di chiudere le guide per installare iOS 7 Beta per no developer in quanto non era più possibile perché Apple aveva bloccato l’attivazione senza UDID, risultato che le guide sono rimaste online in quanto la segnalazione si é dimostrata priva di ogni fondamento… Ho personalmente preso un iPhone 4 con sopra iOS 6.1.3 ed ho installato iOS 7 senza che mi venisse chiesta nessuna attivazione… mi chiedo il perché allora di questo falso allarmismo

Adesso a pochissimi giorni dal rilascio della versione definitiva di iOS 7 arrivano queste altre segnalazioni al sito sopra citato secondo le quali alcuni utenti si sarebbero scontrati con errori nel corso dell’attivazione e quindi si sono trovati impossibilitati ad installare iOS 7 Beta… Questo é il nocciolo della questione, a mio modesto avviso, prima di divulgare certe notizie, occorrerebbe andare a vedere utente per utente quale versione Beta stanno cercando di installare, perché non vedo altra possibilità che quest’ultimi stiano installando delle versioni scadute e quindi incappino inesorabilmente in codesto errore… non credete anche voi?

Quello che posso dire é che su 3 dispositivi che ho per le mani, quindi iPhone 4, iPhone 4S ed iPhone 5, iOS 7 Beta 6 é installato senza attivazione developer e viaggia che é una meraviglia, trovo assolutamente assurdo che Apple a poche settimane dal rilascio si metta a bloccare le attivazioni, se avesse voluto lo avrebbe fatto prima come in passato…

Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

Tag:

Gli hacker sono in possesso del jailbreak untethered di iOS 6.1.3: rilascio a breve?

30 agosto 2013 Nessun commento

Buone, anzi ottime notizie per gli utenti interessati al jailbreak ed attualmente fermi ad iOS 6.1.3! Wincom, un hacker storico – seppur non tra i più famosi – della scena iOS ha dichiarato di essere in possesso di un codice binario che riesca ad eseguire il jailbreak untethered dell’ultima (ad oggi) versione di iOS disponibile pubblicamente.

Schermata 2013-08-30 alle 16.45.45

L’hacker Wincom, in passato molto vicino al Dev Team, ha ottenuto un nuovo exploit che consente il jailbreak untethered di iOS 6.1.3. In realtà, già P0sixninja, MuscleNerd, I0n1c e altri hacker avevano confermato la possibilità di eseguire il jailbreak untethered su questa versione del firmware ma, in vista di iOS 7, si era preferito preservare gli exploit in vista di un jailbreak decisamente più “interessante” per l’utenza finale. L’exploit scovato da Wincom, invece, sembrerebbe non essere più presente in iOS 7, quindi non ci sarebbe motivo di preservarlo per un utilizzo futuro che appare improbabile, se non impossibile.

Al momento, però, l’esecuzione del codice sarebbe stata testata solo su iPhone 4 con iOS 6.1.3. Manca quindi la conferma – che potrebbe comunque arrivare a breve – degli altri dispositivi (iPhone 3GS, iPhone 4S, iPhone 5, iPod touch di quarta generazione, iPod touch di quinta generazione, iPad 2, iPad 3, iPad 4 e iPad mini) e di iOS 6.1.4.

In ogni caso, l’intenzione dell’hacker sembra essere proprio quella di rilasciare un nuovo jailbreak specifico per iOS 6.1.3 (e magari anche per iOS 6.1.4) in vista dell’attesa importante che attende gli utenti per quanto riguarda il jailbreak di iOS 7.

Come sempre, vi aggiorneremo sull’argomento non appena ci saranno novità!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

Tag:

Come sbloccare iPhone stranieri

30 agosto 2013 Nessun commento

Chi si trova in possesso di iPhone acquistati all’estero saprà per certo che non è possibile, previo sblocco, utilizzare sim italiane. E’ possibile però farle funzionare permettere il funzionamento delle sim italiane se il dispositivo viene sbloccato. Attualmente è consentito sbloccare le baseband di iPhone 3Gs, iPhone 4 (hardware dell’iPhone che gestisce la parte telefonica) solo se con Jailbreak e con una specifica versione di baseband.

video-iphonesimfree

Sblocco baseband iOS 5

Questi sono i requisiti per poter sbloccare il vostro iPhone con iOS 5:

  • iPhone 3GS o iPhone 4 con Jailbreak
  • Baseband:
    • 1.59.00
    • 04.26.08
    • 05.11.07
    • 05.12.01
    • 05.13.04
    • 06.15.00

Per controllare la versione della Baseband recatevi in Impostazioni -> Generali -> Info -> Firmware Modem

Se siete fortunati potrete procedere.

  • Avviate Cydia, andate in Gestione -> Sorgenti -> Modifica -> Aggiungi e aggiungete la seguente repo

http://cydia.myrepospace.com/smolk/

  • Installate il pacchetto Ultrasn0w Fixer.
  • Riavviate il telefono.

Sblocco baseband iOS 6

Requisiti per poter sbloccare il vostro iPhone con iOS 6.0.1:

  • iPhone 3GS o iPhone 4 con Jailbreak Tethered
  • Baseband:
    • 06.15.00
    • 05.12.01
    • 05.13.01
    • 05.11.07
    • 04.26.08
    • 01.59.00

Controllare Baseband recandovi in Impostazioni -> Generali -> Info -> Firmware Modem

  • Avviate Cydia, andate in Gestione -> Sorgenti -> Modifica -> Aggiungi e aggiungete la seguente repo

http://repo.iparelhos.com

  • Installare il pacchetto Ultrasn0w e successivamente  Ultrasn0w Fixer.
  • Riavviate il dispositivo e al successivo avvio dovrebbe leggere le SIM di tutti gli operatori.

Share and Enjoy

Tag: