Archivio

Archivio per maggio 2015

Lava Fever: arcade game in caduta libera all’interno di un vulcano

31 maggio 2015 Nessun commento

Dopo una serie di giochi abbastanza elaborati e di cui vi abbiamo parlato questa settimana, oggi vogliamo deliziarvi con un semplice, ma comunque simpatico titolo reperibile su App Store solo da qualche giorno. Ecco a voi “Lava Fever”, realizzato da Jeroen Janssen. Il coraggioso protagonista, dopo aver affrontato una dura giornata di lavoro, decide di prendere un bel bagno caldo (forse troppo caldo) all’interno di un vulcano, inconsapevole del lungo e tortuoso tragitto che lo attende. Lava Fever – 2D arcade game inside the volcanoJeroen JanssenCategoria: Giochi0,99 € In cerca di divertimento per il weekend? Ecco a voi Lava Fever. Per quanto riguarda il download, sono necessari 72.4 MB, attualmente l’app risulta disponibile unicamente in lingua inglese e richiede iOS 6.0 o versioni successive per poter funzionare correttamente sui nostri device Apple. Lo sviluppatore indipendente Jeroen Janssen approda su App Store con il simpatico titolo Lava Fever – 2D arcade game inside the volcano. Non si tratta assolutamente di una novità assoluta, anzi, di giochi simili ne abbiamo visti anche tanti, ma c’è da considerare un piccolo fattore che ultimamente molti non considerano: la completa assenza di banner pubblicitari e sezione “in-app”. L’autore, infatti, ha deciso di offrire la sua app alla modica cifra di 0,99 €, graficamente compatibile solo con iPhone. Una volta acquista, avrete a disposizione tutte le caratteristiche del game senza dover necessariamente aderire alla visione di qualche video pubblicitario o altro. Integra anche il Game Center di Apple, su cui è possibile caricare le migliori prestazioni ottenute. La storia vede questo simpatico personaggio desideroso di un bel bagno caldo. Recatosi sulla punta del vulcano, decide -senza pensarci troppo- di gettarsi al suo interno. Inizia così una lunga e tortuosa caduta libera verso la tanto desiderata lava che, a quanto pare, è veramente difficile da raggiungere. Infatti, il vulcano risulta essere più profondo di quanto l’indigeno potesse

Source

Tag:

Zen Studios, dalla collaborazione con Valve nasce Portal Pinball su iPhone

31 maggio 2015 Nessun commento

Zen Studios da anni propone per mobile, quindi iOS, pinball che si ispirano al mondo dei videogiochi, appoggiandosi a numerosi titoli che hanno ottenuto successo nel corso degli anni precedenti. Non ultimo, per esempio, quello dedicato a South Park, pubblicato in contemporanea con The Stick of Truth, oppure quello su The Walking Dead, Star Wars, Marvel e così via. Stavolta la proposta di Zen Studios è incentrata interamente su Portal, il titolo Valve tra i più conosciuti per la piattaforma PC. Portal ® PinballZEN Studios Ltd.Categoria: Giochi1,99 € Si tratta di un DLC di Zen Pinball 2, che vi permetterà di trasformare il vostro flipper in un campo ispirato all’universo di Portal, con tutte le caratteristiche peculiari annesse: oltre alle torrette, ai portali per l’appunto, sarà possibile rivivere un’esperienza completa del titolo Valve, con le dovute accortezze e limitazioni che può dare un pinball. Il doppiaggio è stato realizzato appositamente e vi saranno anche alcuni dei personaggi più famosi del brand, come Chell, Wheatley, GlaDOS, ATLAS e P-Body. Oltre al nuovo DLC, Zen Pinball 2 offre anche la modalità multiplayer, inserita proprio grazie a Portal: due giocatori potranno così partecipare contestualmente alla Cooperative Testing Initiative Multiball, che vede protagonisti ATLAS e P-Body, direttamente da Portal 2. Il titolo, inoltre, è disponibile anche per PlayStation Vita. Portal Pinball è disponibile su App Store al prezzo di 1,99 euro.

Source

Tag:

Qual è la causa del bug “Power” che riavvia l’iPhone?

In questa settimana si è parlato molto di un bug che affligge l’app Messaggi: inviando un particolare testo ad un qualsiasi iPhone, il dispositivo ricevente va in crash e non permette più di utilizzare l’app per la lettura dei messaggi. Apple ha già confermato il problema, consigliando delle possibili soluzioni e affermando che presto arriverà un update correttivo. Ma rimane un mistero da risolvere: come mai questo particolare testo causa un bug così importante? Il messaggio incriminato contiene una parte di testo in inglese (“Power”), seguito da una serie di simboli e da leggere in arabo, per poi concludersi con un altro carattere particolare. Ricevuto questo messaggio, il destinatario non noterà alcun suono o notifica, ma il dispositivo tradurrà il messaggio ricevuto come una sorta di comando che forza il ravvio del dispositivo stesso. Non appena l’utente deciderà di controllare l’app messaggi, noterà la classica icona “Badge” rossa che segnala un messaggio non letto. Aperto il messaggio, non sarà più possibile visualizzare l’elenco di tutti gli altri messaggi ricevuti se non dopo l’eliminazione del testo incriminato, capace di generare continui crash dell’app “Massaggi”. Va da sè che più è sofisticato un software, maggiore è la possibilità che qualcosa vada storto. Ecco perchè un sistema operativo privo di bug non esiste, ed ecco perchè anche Apple ne può fare le spese malgrado i rigorosi test effettuati dall’azienda prima dei vari rilasci. Il bug “Power” scoperto recentemente è un esempio perfetto di quanto appena detto. Fortunatamente, Apple ha già rilasciato una soluzione per questo bug e ha confermato che è in lavorazione un update correttivo, ma cosa succede realmente all’iPhone quando riceve questo messaggio? Di teorie più o meno fantasiose se ne sono lette tante, ma quella più plausibile è stata di recente pubblicata su YouTube: la causa principale del bug potrebbe risiedere nel mondo

essay writing help for high school students

Tag:

Apple Watch: misurazione irregolare del battito cardiaco dopo aggiornamento a WatchOS 1.0.1? Secondo Apple non è un bug!

31 maggio 2015 Nessun commento

Circa due settimana fa venne rilasciato il primo aggiornamento WatchOS 1.0.1, questo il nome del sistema operativo montato su Apple Watch. Secondo quanto riportato nelle caratteristiche, doveva portare con se migliorie sostanziali sul funzionamento generale ed, invece, ben presto iniziarono ad arrivare le prime lamentele. Numerosi utenti notarono un cambiamento radicale nella misurazione dei battiti cardiaci, che su WatchOS 1.0 avvenivano in modo regolare ogni 10 minuti. Anche se a prima vista potrebbe risultare come un errore, oppure se preferite, un bug, secondo quanto riportato da Apple, si tratta invece di una condizione voluta! Apple Watch, oggetto del desiderio che al momento viene indossato sul polso di pochi, continua ad essere sulla bocca di tutti! Come sicuramente ben sapete, tra le principali caratteristiche troviamo la comodissima funzione che effettua automaticamente la misurazione del battito cardiaco di chi lo indossa. Mentre in WatchOS 1.0 veniva effettuata una misurazione ogni 10 minuti, su WatchOS 1.0.1, aggiornamento per Apple Watch rilasciato giusto qualche settimana fa, le misurazioni automatiche sembrano essere divenute più irregolari. Trattasi di un bug, un problema del dispositivo, il nostro battito si rifiuta di essere riconosciuto dall’Apple Watch? No, non preoccupatevi troppo… Niente di tutto ciò! Secondo quanto dichiarato, le misurazione vengono effettuate come avveniva su WatchOS 1.0 e quindi in modo regolare. Queste, però, grazie ai miglioramenti introdotti in WatchOS 1.0.1, vengono riportate in Health solo se il braccio risulta mantenuto fermo nel preciso istante della misurazione. Con tale dichiarazione, Apple si scolla di dosso le accuse degli utenti che pensavano, invece, si trattasse di un bug oppure di un’implementazione voluta dalla stessa Apple per risparmiare batteria. Quindi, in conclusione, le misurazioni del battito cardiaco in WatchOS 1.0.1 continuano ad essere prelevate ogni 10 minuti autonomamente dal nostro polso, ma non tutte vengono registrate in Health con la medesima frequenza, dovuto sicuramente al fatto che

Source

Tag:

Libero Mail, l’app per gestire tutte le caselle di posta elettronica

30 maggio 2015 Nessun commento

Con l’applicazione Libero Mail di ItaliaOnline, gli utenti possono gestire qualsiasi casella di posta elettronica, di qualunque provider, configurando il tutto in pochi e semplici passaggi. Libero MailItaliaonline S.p.A.Categoria: ProduttivitàGratis Sfruttando un’interfaccia ottimizzata per iPhone, tutte le operazioni di configurazione e di gestire e-mail sono semplice e veloci da portare a termine. La app di Libero Mail è multi-account e permette quindi all’utente la gestione di tutte le proprie caselle di posta, passando da una all’altra soltanto muovendo il dito sullo schermo. Per ogni indirizzo e-mail è possibile impostare notifiche su misura personalizzando modalità e frequenza degli avvisi, scegliendo tra: ricezione istantanea delle notifiche dei nuovi messaggi in arrivo, attivazione e disattivazione delle notifiche per ogni account, filtro delle notifiche per tipo di messaggio, per mittente, per cartella, impostazione di un intervallo di tempo senza avvisi. L’utente può anche personalizzare la inbox attivando o disattivando l’anterprima dei messaggi e la visualizzazione degli avatar dei propri amici. Grazie all’introduzione della ricerca immediata in tutte le cartelle e gli account di posta, è possibile trovare un messaggio in poco tempo, anche su volumi molto grandi, grazie ai filtri per i risultati, alla composizione delle query con le frasi di ricerca, ai suggerimenti di contatto. Grazie ai contatti rapidi, l’app suggerisce all’utente i contatti in rubrica presenti su iPhone. Per quanto riguarda le immagini, Libero Mail permette di selezionare in una sola volta un gruppo di foto direttamente dalla fotogallery del proprio smartphone. Infine la visualizzazione di qualunque allegato è semplice da utilizzare, visto che bastano pochi click per visualizzare i vari allegati. L’applicazione è disponibile gratuitamente su App Store.

Source

Tag:

Risolto il mistero: il van della Apple serve a portare servizi 3D e Street View in Mappe

30 maggio 2015 Nessun commento

Finalmente è stato risolto il mistero di alcune auto Apple che, nei mesi scorsi, sono state avvistate in giro per gli Stati Uniti. Non si tratta dei primi test della iCar, ma di van che servono a migliorare Mappe con nuovi servizi come il 3D e la “Street View”. Con queste auto, Apple sta innanzitutto raccogliendo nuovi dati per creare un database di mappe in-house, così da non doversi più appoggiare a partner terzi come TomCom. Inoltre, l’azienda sta scattando foto anche a tutti gli esercizi commerciali, in modo da offrire una lista precisa di POI e liberarsi dalla dipendenza di Yelp. Ancora, con queste auto Apple sta anche creando una mappatura 3D e sta scattando foto per creare un sistema simile a Street View di Google. Queste auto sono state avvistate in diverse città degli Stati Uniti, quindi entro fine anno la mappatura in-house di gran parte del paese dovrebbe essere completata. Il lavoro è ancora lungo, ma l’intenzione di Apple è quella di offrire un’applicazione Mappe del tutto autonoma e indipendente da partner terzi. Gli utenti dovrebbero quindi avere dati più accurati e aggiornati, visto che sarà direttamente Apple a controllarli. Con una funzione in stile Street View, l’azienda sarebbe poi in grado di offrire una delle poche funzioni che ancora mancano per rendere Mappe a livello di Google Maps, insieme ad una più completa mappatura 3D da integrare in Flyover. Infine, Apple sta pensando anche di sostituire Yelp, creando und database di esercizi commerciali con foto realizzate in modo professionali e informazioni sempre aggiornate. [via]

Source

Tag:

Apple Campus 2: prende forma lo Spaceship Ring

30 maggio 2015 Nessun commento

Lo Spaceship Ring del nuovo campus Apple si sta sempre più allargando, man mano che procedono i lavori. Un nuovo video ci mostra l’avanzamento dei lavori di quella che sarà la nuova sede dell’azienda a partire dal 2016.   Nelle ultime settimane, centinaia di camion hanno trasportato le altre di cemento che servono alla struttura principale, quel futuristico “anello” che ha le sembianze di un’astronave. I tecnici hanno già montato parte dei sostegni e alcuni elementi del soffitto in una selle sezioni della struttura. Al di sotto di questa struttura, ci saranno due livelli interrati che serviranno da parcheggi per i dipendenti. Tali lastre di cemento sono realizzate dall’azienda Clark Pacific, che ha aperto nuovi stabilimenti solo per fornire questo materiale ad Apple. I lavori finiranno nel 2016. [via]

Source

Tag:

Tim Cook regala 6,5 milioni di dollari ad un’associazione benefica

30 maggio 2015 Nessun commento

Il CEO di Apple Tim Cook ha dato 50.000 azioni Apple in beneficenza, per un valore totale di circa 6,5 milioni di dollari. Tale cifra è andata all’associazione Project One America. Con questa mossa, Tim Cook si conferma molto sensibile alla beneficenza, visto che da quando è a capo di Apple ha sempre promosso iniziative di questo tipo. Con questa donazione, arrivano 6,5 milioni di dollari ad un’associazione che da anni si batte per l’uguaglianza di tutti i cittadini, a prescindere da razza o inclinazione sessuale [via]

Source

Tag:

Steve Wozniak sarà la nuova statua di cera da Madame Tussauds

30 maggio 2015 Nessun commento

Anche il co-fondatore di Apple Steve Wozniak avrà la sua statua da Madame Tussauds, uno dei più famosi musei al mondo dedicato proprio ai personaggi famosi che vengono mostrati a grandezza naturale con delle perfette statue realizzate in cera. La figura di Woz sarà esposta al Madame Tussauds di San Francisco, dopo che da un sondaggio diversi clienti hanno scelto proprio lui come nuovo personaggio da inserire nel museo. Gli scultori dovranno lavorare per circa tre mesi prima di completare il processo di “cerificazione”, e Wozniak dovrà farsi misurare stando immobile per una sessione totale di circa tre ore, durante le quali saranno prese 250 misurazioni. Al museo di San Francisco ci saranno anche le statue di Steve Jobs e Mark Zuckerberg. [√ia]

Source

Tag:

TimeCode: l’orario attuale è la password per sbloccare il tuo iPhone! – Cydia

30 maggio 2015 Nessun commento

TimeCode è un tweak veramente interessante e – sempre che abbiate dinanzi qualcuno che non è al corrente della sua esistenza – anche un’ottimo modo per impedire a sconosciuti di sbloccare l’iPhone con un unico codice di sicurezza, magari svelato dal proprietario del dispositivo. TimeCode è un curioso ed interessante progetto portato avanti da uno sviluppatore che ha da poco deciso di rilasciare il tutto in forma di un nuovo tweak disponibile su Cydia. A prescindere dalla realizzazione tecnica, abbastanza basilare, l’aspetto più interessante di TimeCode è l’idea da cui è partito lo sviluppatore per garantire un nuovo livello di sicurezza agli smartphone iOS. Come fare a cambiare codice automaticamente, minuto per minuto, impedendo così una facile scoperta della passcode da parte di altri utenti che non siano il proprietario dello smartphone? È presto detto: basta far si che lo smartphone cambi la password effettivamente ad ogni minuto e che la nuova password sia sempre identica all’orario corrente! Se ci pensate, la trovata è davvero geniale, a patto che chi vi sta davanti non conosca effettivamente questo stratagemma. Esclusa tale opzione, sarà praticamente impossibile per un malintenzionato accedere al vostro iPhone e per voi sarà impossibile dimenticare il codice di sblocco del telefono perché… lo avrete sempre sotto gli occhi! Tra le funzioni di TimeCode abbiamo anche alcune ulteriori opzioni per migliorare la sicurezza. Ad esempio si potrà scegliere di far corrispondere il codice di sblocco all’ora a cui, però, dovremo aggiungere 10 secondi. Ad esempio, se sono le 12.30, il codice di sblocco sarà 1240, oppure di invertire il codice rispetto all’orario; in tal caso, il codice sarà 0321. Se siete interessati, potete scaricare gratuitamente TimeCode dalla repository di BigBoss in Cydia. Per l’installazione di questo programma è richiesto un dispositivo jailbroken (scopri se e come puoi fare il jailbreak al tuo

Source

Tag: