Archivio

Archivio per luglio 2016

Kanye West chiede ad Apple di acquisire Tidal

31 luglio 2016 Nessun commento

Il rapper Kanye West ha letteramente chiesto ad Apple di muoversi e di acquisire quanto prima Tidal, per porre fine alla lotta tra lo stesso Tidal ed Apple Music.

West ha scritto che la rivalità tra Apple e Tidal è un danno per l’industria della musica e per questo invita i dirigenti delle due aziende a riunirsi per discutere i termini di vendita. In particolare, West vuole fare da traminte tra Tim Cook, CEO di Apple, Jimmy Iovine, dirigente Apple e co-fondatore di Beats, Larry Jackson, responsabile Apple Music, e Jay-Z, proprietario della piattaforma Tidal. La riunione potrebbe essere organizzata già nella prossima settimana, per velocizzare i tempi dell’acquisizione. West propone addirittura di far partecipare all’incontro anche Daniel Ek, co-fondatore e CEO di Spotify.
Anche se non ne fa esplicita menzione, West sa sicuramente qualcosa sui negoziati tra Apple e Tidal che sarebbero iniziati diversi mesi fa. Anche se Tidal è un servizio di streaming molto più piccolo di Spotify, ha dalla sua esclusive di importanti artisti come lo stesso West, ma anche Beyoncè, Daft Punk, Alicia Keys, Madonna, Chris Martin e Rihanna. Malgrado questi nomi, Tidal ha dalla sua solo 3 milioni di abbonati, contro i 15 milioni di Apple Music e gli oltre 30 milioni di Spotify.
Per quanto riguarda Apple, la strategia dell’azienda per aumentare il successo di Apple Music passa proprio dall’acquisizione delle esclusive di importanti artisti, e per questo un’acquisizione di Tidal potrebbe essere molto importante.
[via]
Link all’articolo originale: Kanye West chiede ad Apple di acquisire Tidal

Source

Tag:

Primo aggiornamento per Pokèmon Go

31 luglio 2016 Nessun commento

Niantic ha rilasciato il primo aggiornamento di Pokèmon Go, il gioco di maggior successo nella storia dell’App Store.

Pokémon GONiantic, Inc.Categoria: GiochiGratis
Come ormai saprete, il gioco utilizza funzionalità di realtà aumnentata per fondere gli oggetti del mondo reale con il gioco vero e proprio. In Pokémon Go, i giocatori potranno esplorare l’ambiente circostante reale per catturare Pokèmon non ancora addestrati. Mentre i giocatori esplorarno il mondo circostante, il telefono vibra quando un Pokémon si trova nelle vicinanze: per catturarlo, bisognerà utilizzare il touchscreen del telefono per lanciare una Poké Ball. Questa Poké Ball e gli altri oggetti speciali possono essere trovati in appositi punti di interesse, come monumenti, mercati storici e altro.
Con questo aggiornamento, gli avatar degli Allenatori possono essere nuovamente personalizzati dalla schermata del profilo. Inoltre, sono stati rettificati alcuni valori dei danni battaglia provocati dai Pokèmon e sono state migliorate le animazioni delle Palestre. L’update migliora anche la gestione delle prestazioni e corregge diversi bug quando si incontrano Pokèmon Selvatici. E’ stata modificata anche la grafica delle impronte dei Pokèmon vicini (ora non più visibili), insieme a quella delle medaglie. Sono stati aggiornati i dettagli UI dei singoli Pokèmon e sono state correte le problematiche di visualizzazione che capitavano alcune volte in Mappe.
Tra l’altro, è notizia di ieri che questo gioco non sta affatto cannibalizzando gli altri videogiochi, anzi. Da quando Pokèmon Go è disponibile, l’intero mercato dei videogiochi ha fatto registrare importanti segni di ripresa.
 
Link all’articolo originale: Primo aggiornamento per Pokèmon Go

Source

Tag:

Jailbreak: carte di credito, PayPal e account social violati dopo l’utilizzo di Pangu?

31 luglio 2016 Nessun commento

In tanti attendevano l’uscita del tool per effettuare il Jailbreak su iOS 9.3.3 e, come spesso è capitato negli uiltimi mesi, il team Pangu ha accontentato tutti. Purtroppo, sembra che alcuni utenti che hanno utilizzato il tool per il jailbreak abbiano subito accessi non autorizzati ai loro account social e PayPal, oltre alle loro carte di credito e di debito.

Il team Pangu è stato sempre affidabile e gli unici problemi avuti in passato riguardavano tool simili, ma non ufficiali. Per questo, ci sono molti dubbi sull’origine di questi accessi non autorizzati: potrebbero essere delle semplici coincidenze, oppure problemi legati all’utilizzo di siti non sicuri che pubblicizzano questo tool. Quasi tutti coloro che hanno subito accessi non autorizzati ai propri account avevano utilizzato lo strumento PPHelper, per questo non si può escludere del tutto che la versione Windows contenga qualche codice maligno responsabile degli attacchi. Gli accessi non autorizzati hanno riguardato account Facebook, account PayPal e account di carte di credito e di debito.
Saurik, il creatore di Cydia, ha detto che si fida di Pangu, ma è probabile che in giro ci sia qualche tool spacciato per “ufficiale”, ma contenente un malware nella versione Windows. Il consiglio è sempre quello di utilizzare i tool scaricati dal sito ufficiale e di non installare applicazioni non certificate da Cydia.
Anche il team Pangu ha rassicurato i suoi utenti, affermando che dai loro controlli non risulta alcun tipo di problema nei tool ufficiali. Anzi, il team chede agli utenti vittime degli attacchi di fornire maggiori informazioni per cercare di scoprire l’origine del problema.
[via]
 
Link all’articolo originale: Jailbreak: carte di credito, PayPal e account social violati dopo l’utilizzo di Pangu?

Source

Tag:

Zanichelli pubblica “il Ragazzini 2017”

31 luglio 2016 Nessun commento

Su App Store è disponibile “ilRagazzini 2017”, nuova edizione del dizionario Inglese-Italiano realizzato da Zanichelli.

il Ragazzini 2017 – Dizionario Inglese-Italiano Italian-English DictionaryZanichelli Editore SpaCategoria: Riferimento33,99 €
Il Ragazzini riporta il testo integrale del dizionari inglese-italiano 2017, ricercabile per lemmi e per frasi, per forme flesse e a tutto testo. È possibile inserire note, sottolineare, creare una lista di parole preferite. Se si dispone di un collegamento a Internet, è possibile ascoltare la pronuncia di tutti i lemmi cliccando sull’icona a forma di altoparlante.
Il dizionario è aggiornato con tutte le parole e accezioni nuove più importanti, sia dell’inglese sia dell’italiano, dal linguaggio giovanile, come bae, alle nuove tecnologie, come contactless e clickbait. Da quest’anno il dizionario segnala oltre 3800 reggenze di verbi e aggettivi: per imparare che si dice to participate in e satisfied with, o per scegliere correttamente tra reggenze diverse della stessa parola. Inoltre, il Ragazzini accoglie ora una nuova rubrica sui fenomeni linguistici più recenti e significativi: WordWatch spiega le origini dei neologismi, come binge-watching e notspot, e mutamenti linguistici, come l’introduzione del prefisso uber-.
Queste le funzioni principali:

oltre 400.000 voci e significati, compresi nomi di persona, cognomi e toponimi inglesi
Pronuncia sonora delle parole inglesi e italiane
trascrizione fonetica e tabelle di flessione delle parole inglesi
oltre 3000 verbi frasali: da to abide by a to zoom pastoltre 120.000 termini specialistici
3800 indicazioni di reggenza di aggettivi e verbi inglesi
17000 “parole amiche”: le combinazioni linguistiche fondamentali per chi impara la lingua: per ricordarsi che si dice to pay attention e vastly superior
oltre 13000 sinonimi e contrari
oltre 600 note d’uso: per evitare gli errori e risolvere i dubbi, come la differenza tra taste e flavour, grave e serious
oltre 850 falsi amici: per non confondere fattoria e factory, libreria e library
in appendice: lista dei verbi irregolari
galleria con 32 tavole illustrate

L’app è disponibile al prezzo di 33,99€.
Link all’articolo originale: Zanichelli

Source

Tag:

Con quali parti del corpo funziona il Touch ID?

31 luglio 2016 Nessun commento

Chi l’ha detto che per sbloccare l’iPhone tramite Touch ID bisogna per forza utilizzare le dita e le relative impronte digitali? Un curioso post pubblicato su Reddit mostra infatti una lista di parti del corpo che possono essere registrate su iOS e utilizzate per sbloccare l’iPhone tramite Touch ID!

La lista dimostra che il sensore è sorprendentemente versatile e permette di utilizzare anche il naso, i capezzoli e non solo…
Le parti del corpo compatibili con il Touch ID sono:

Le dita
Il palmo della mano
L’alluce
Le altre dita dei piedi
La pianta del piede
Il naso (molto difficile)
Il tallone del piede
I capezzoli

Altre parti come pancia, ginocchia, parti intime e orecchie, invece, non funzionano… Inoltre, sul Galaxy S7 molte delle parti utilizzabili su iPhone non sembrano funzionare!
[via]
 
 
Link all’articolo originale: Con quali parti del corpo funziona il Touch ID?

Source

Tag:

JetLog, il diario di viaggio automatico

31 luglio 2016 Nessun commento

Grazie all’applicazione JetLog puoi creare in modo automatico un vero e proprio diario di viaggio durante i tuoi spostamenti.

Jetlog – Automatic trip journalCarlo PersanoCategoria: ViaggiGratis
Jetlog consente di documentare i viaggi completamente in automatico facendoci rivivere le nostre esperienze in qualsiasi momento, per rendere il viaggio davvero indimenticabile.
Jetlog crea un vero e proprio diario di viaggio nel quale vengono raccolti completamente in automatico i luoghi visitati, l’itinerario seguito, le fotografie scattate e tante altre informazioni che ti permetteranno di rivivere ogni esperienza in qualsiasi momento. Attraverso le funzioni social avrai la possibilità di condividere i viaggi con i tuoi amici o divertirti ad esplorare le avventure vissute da altre persone in giro per il mondo. Per lunghe vacanze o brevi escursioni, Jetlog diventa un utile strumento per immortalare ogni esperienza e non perdere più i ricordi più belli. L’app funziona anche senza una connessione a internet (ottimo per chi viaggia all’estero), continuando a documentare automaticamente il tuo viaggio.
L’applicazione è disponibile gratuitamente su App Store.
 
Link all’articolo originale: JetLog, il diario di viaggio automatico

Source

Tag:

Ex PR Apple racconta come venivano gestiti i comunicati stampa nell’era Steve Jobs

31 luglio 2016 Nessun commento

Cameron Craig è un ex-dipendente Apple che per anni si è occupato della stesura dei comunicati stampa per l’azienda, quando Steve Jobs voleva avere il controllo su tutto. Anche sui testi.

Nel suo racconto, Craig spiega di aver iniziato a lavorare in Apple nel 1997, poco tempo dopo il ritorno in azienda di Steve Jobs. In quel periodo, Apple veniva definita una “mela marcia”, un’azienda sull’orlo del fallimento che era stata capace di produrre solo dispositivi di discutibile utilità. Per questo, il lavoro dei PR fu fondamentale per il rilancio dell’immagine Apple.
La prima regola da seguire nella stesura dei comunicati stampa era quella di raggiungere un risultato elevato nel livello di leggibilità: da una scala da 0 a 100, bisognava arrivare sopra gli 80 per considerare il comunicato comprensibile anche da un bambino di 11 anni. C’erano alcuni tool che aiutavano i PR a controllare questo punteggio.
I comunicati venivano pubblicato per i lancio di nuovi prodotti o per i risultati più importanti raggiunti dall’azienda. Alcuni volevano che pubblicassimo più comunicati, ma selezionando solo quelli importanti davamo l’idea ai siti di avere sempre qualcosa di interessante da raccontare. Il nostro compito era raccontare una storia per far capire quanto innovativi fossero i prodotti Apple per i nostri clienti, poi sceglievamo a chi inviare questi comunicati tra i più importanti e influenti giornalisti del mondo. Spesso, e comunque per ogni lancio di prodotto, Steve Jobs voleva controllare tutti i comunicati e dare la sua approvazione.
 
 
 
 
 
 
 
Link all’articolo originale: Ex PR Apple racconta come venivano gestiti i comunicati stampa nell’era Steve Jobs

Source

Tag:

FinderBe… sulla scia di Pokemon Go, ma con oggetti reali

31 luglio 2016 Nessun commento

Arriva su App Store un nuovo e simpatico gioco intitolato “FinderBe”. Nuova frontiera della caccia agli oggetti?

Semplice, divertente, intuitivo e gratuito! FinderBe vuole farvi divertire andando a caccia di oggetti reali con il vostro iPhone. In questo periodo sta impazzando il gioco Pokemon Go, tanto amato quanto odiato!
L’autore Giorgio Acelti  ha voluto creare qualcosa di simile, che potesse però far uso di oggetti reali piuttosto che animaletti fantasiosi. Le regole sono molto semplici: “Ogni utente prende un oggetto di qualsiasi natura, lo nasconde da qualche parte. Chi trova l’oggetto per primo può spostarlo da un’altra parte e dare la possibilità ad altre persone di trovarlo accumulando punti.” Vai alla scoperta della tua città, trova nuovi percorsi e porta a termine la missione.
L’app sfrutta la geolocalizzazione per individuare gli oggetti. Un Pokèmon Go fatto di oggetti reali. Pronti per la caccia?
Link – Prezzo GRATIS!
Link all’articolo originale: FinderBe… sulla scia di Pokemon Go, ma con oggetti reali

Source

Tag:

AluPlug: un caricabatterie da muro di “design”

31 luglio 2016 Nessun commento

Se siete attenti al design e preferite spendere una cifra maggiore rispetto a tante alternative meno premium sul mercato, questo AluPlug potrebbe fare al caso vostro. Parliamo di un caricabatterie da muro con due porte realizzato in alluminio di ottima qualità.

JustMobile realizza sempre prodotti premium e anche se parliamo di un prodotto di uso comune come un caricabatterie da muro, l’attenzione ai dettagli è sempre alta. In questo caso parliamo di AluPlug, un alimentatore con due prese USB per ricaricare i nostri device a muro.

Non ci sono tante caratteristiche da elencare su questo prodotto: la presa è compatta e ben rifinita, ha a disposizione due porte che si possono usare contemporaneamente ed eroga 2.4A. Il prodotto è realizzato in alluminio con una finitura zigrinata molto piacevole alla vista e al tatto, inoltre integra un sistema che mantiene alta la sicurezza dei device in ricarica.

Il prodotto, infine, mostra un LED che ne assicura il funzionamento una volta collegato.

Insomma, un caricabatterie sicuramente bello da vedere anche se proposto ad un prezzo non bassissimo. Ma si sa, il design comporta una spesa maggiore e questo AluPlug è davvero molto ben realizzato e rifinito e può dare un tocco di classe in più.

Se siete interessati, AluPlug è disponibile sul sito di JustMobile al prezzo di 34,95€. Potete usare il codice sconto in esclusiva (iphoneitalia20off) per ottenere un risparmio del 20% sul prodotto (il codice è valido fino al giorno 8/8/2016).
Link all’articolo originale: AluPlug: un caricabatterie da muro di “design”

Source

Tag:

Ecco Insta360 Nano, una nuova fotocamera a 360° per iPhone

30 luglio 2016 Nessun commento

Qualche tempo fa vi abbiamo proposto una guida per scattare fotografie sferiche a 360° su iPhone. Esistono però degli accessori di terze parti che permettono di scattare un’unica foto completa. Il team di Insta360 ha realizzato la sua versione della fotocamera a 360° progettata appositamente per iPhone.

La fotocamera, realizzata e studiata appositamente per essere abbinata ad un iPhone, si collega al retro dello smartphone e permette di registrare foto e video a 360° tramite due sensori capaci di catturare elementi in un arco di 210°. Il software poi unisce i due scatti per realizzare la fortografia finale.
L’accessorio integra una batteria da 800mAh e uno slot microSD, così da non riempire la memoria dell’iPhone e consumarne la batteria, dato che i video registrati hanno una risoluzione massima di 3040 x 1520 pixel a 30 frame per secondo.

Se avete un iPhone 6, 6s, 6 Plus o 6s Plus, potrete acquistare il prodotto a partire dal 31 Luglio ad un costo di 199 sterline. La fotocamera è inoltre certificata MFi, quindi dovrebbe interagire con iOS esattamente come un prodotto originale Apple.
[via]
Link all’articolo originale: Ecco Insta360 Nano, una nuova fotocamera a 360° per iPhone

Source

Tag: