Archivio

Archivio per gennaio 2017

Perchè Apple non utilizza la USB-C al posto della porta Lightning su iPhone?

10 gennaio 2017 Nessun commento

USB-C sta finalmente diventando uno standard diffuso, con i vari produttori che hanno integrato la nuova porta sia su computer che su smartphone. Apple ha addirittura proposto i nuovi MacBook con la sola porta USB-C, suscitando non poche polemiche. Ma su iPhone, l’azienda ha deciso di fare il contrario e di puntare ancora sulla porta proprietaria Lightning. Come mai?

La prima risposta è la più semplice. Nel 2012 non esisteva la USB-C e Apple introdusse la porta Lightning su iPhone 5. Le specifiche di questa porta proprietaria sono state poi perfezionate e aggiornate nel 2014. Certo, a quei temi si parlava già di una nuova porta USB con funzioni avanzate, quindi Apple avrebbe potuto attendere qualche anno continuando con il vecchio connettore a 30-pin. Ma quella porta era già superata nel 2012, figuriamoci dopo qualche anno.
Il secondo punto è che Apple ha sempre utilizzato porte proprietarie sui propri dispositivi mobile. Anche sul primo iPhone poteva essere utilizzata una porta micro-USB, ma Apple decise invece di confermare l’introduzione del connettore a 30 pin, che fece il suo esordio su iPod nel lontano 2002. Proprio il grande successo dell’iPod convinse Apple a confermare quel connettore anche su iPhone.
Nel 2012, anche il connettore a 30 pin non era più in grado di soddisfare le esigenze di Apple per i nuovi iPhone. Le strade erano due: o creare una nuova porta proprietaria, o affidarsi alla tecnologia USB. Ma a quei tempi, l’USB era un disastro. C’erano gli standard USB-A, mini USB e micro USB. Gli ultimi due offrivano vantaggi in termini di spazio occupato, ma a livello di funzioni non erano soddisfacenti. Apple voleva qualcosa di moderno, che potesse durare per i prossimi 10 anni, ed ecco che introdusse la porta Lightning. Un connettore simmetrico, facile da collegare, totalmente digitale, veloce e con possibilità di

Source

Tag:

Il trading online come metodo efficace di investimento 2.0

9 gennaio 2017 Nessun commento

Il trend degli ultimi anni ha senza alcun dubbio decretato il trading online come uno degli strumenti alternativi per fare investimenti tramite web, con un po’ di tempo da dedicarci al giorno per seguire questa attività collaterale ad impegni lavorativi e non. Si è detto e scritto molto sul trading, ma per chi si avvicina […]

Source

Tag:

Somfy presenta Somfy One, un nuovo sistema per la sicurezza domestica – CES 2017

Al CES 2017, Somfy presenta il nuovo Somfy One, una soluzione all in one per la sicurezza domestica compatibile con iOS.

In un singolo prodotto, Somfy One racchiude le prestazioni di un sistema completo di sicurezza con video sorveglianza, controllo delle intrusioni, allarme integrato e allarme centralizzato.
Somfy One integra molte delle tecnologie di Myfox, per una nuova soluzione connessa e perfettamente compatibile con i dispositivi iOS. Con un’immagine grandangolare Full HD e la possibilità di conversare a distanza con un audio di alta qualità, Somfy One offre un’ottima esperienza video, sia di giorno che di notte. La tecnologia SomfyVisionTM motion detection garantisce l’assenza di falsi allarmi. In caso di rilevamento di un movimento, viene spedito all’utente
un photo alert e viene registrato un video di 10 secondi, poi memorizzato nel cloud, che può essere visto e scaricato
gratuitamente nell’arco di 24 ore. Per aumentare ulteriormente il livello di sicurezza è disponibile un’opzione di registrazione e storage continuativa nel cloud.
Somfy One permette di gestire gruppi di utenti con specifiche opzioni (proprietari, figli, ospiti) e di creare una comunità (vicini di casa, parenti) che riceveranno avvisi via email o notifiche via SMS in caso di minaccia rilevata e potranno così chiamare se necessario la pubblica sicurezza. Dotato di un allarme a 100 dB, dissuade gli intrusi non appena rileva dei
movimenti.
Il dispositivo si installa velocemente tramite l’App Somfy Protect disponibile presto  per iOS e Android ed è
compatibile con la maggior parte degli oggetti connessi presenti in casa vostra, tramite Works With Nest, Amazon Alexa o IFTTT.
L’utente può personalizzare i parametri che proteggono la privacy: apertura e chiusura automatica del diaframma,
segnalazione degli utenti presenti in casa, controllo della presenza in casa dello smartphone abilitato per attivare o disattivare in automatico la sorveglianza.
Somfy One è anche compatibile con Tahoma, la soluzione Smart Home di Somfy, che s’integra perfettamente con tutti i dispositivi connessi Somfy per rendere la casa più sicura e confortevole: serrature connesse, chiusure connesse, porte

current event essay

Tag:

death penalty pros and cons argumentative essay

9 gennaio 2017 Nessun commento

ActiveInbox è un’applicazione che permette di gestire facilmente e senza stress i propri impegni e le email su Gmail.

[app 1024127640]
Come già accennato, ActiveInbox permette di gestire facilmente e senza stress il proprio workflow su Gmail inserendo tutte le nostre email in un pratico calendario, aiutandoci a organizzare in modo migliore le nostre email.
Si tratta essenzialmente di una fusione tra client email e task manager, unificando in un unica applicazione la gestione dei propri impegni.
Potremo svuotare la nostra casella di posta in entrata, impostare delle date di scadenza alle email, spostare determinati messaggi in svariati progetti e monitorare tutto ciò di cui avremo bisogno.
ActiveInbox è disponibile gratuitamente su App Store.
Link all’articolo originale: ActiveInbox: gestisci facilmente le tue email su Gmail

Source

Tag:

Facebook vuole testare gli ads nei video pubblicati sul social network

9 gennaio 2017 Nessun commento

Secondo Recode, Facebook sta valutando l’ipotesi di integrare dei promo all’interno dei video pubblicati sul social network. Questo significa che, probabilmente, dovremmo abituarci ad interruzioni pubblicitarie quando visualiziamo video pubblicati da determinate fonti.

Facebook dovrebbe iniziare a testare i nuovi messaggi pubblicitari già dai prossimi giorni, grazie alla partnership con alcuni editori selezionati. Almeno all’inizio, una volta attivato il servizio, i messaggi pubblicitari all’interno dei video compariranno soltanto nelle pagine di editori specifici, di una certa importanza e selezionati. Insomma, non vedremo pubblicità nei video condivisi dai nostri amici dopo una festa, ma soltanto in quelli realizzati da editori e da professionisti autorizzati che desiderano guadagnarci.
L’idea è semplice: le pubblicità potranno essere attivate solo nei video la cui durata minima è di 90 secondi, e partiranno a 20 secondi dall’inizio della clip. La divisione delle entrate sarà la stessa di YouTube: 55% per l’editore, 45% a Facebook.
Questa novità potrebbe essere molto interessante anche per gli utenti. Ad oggi, molti importanti editori limitano la pubblicazione di video su Facebook proprio perchè non è prevista alcuna monetizzazione diretta. Si possono creare video sponsorizzati, ma non è possibile inserire spot pubblicitari mid-roll nei video per avere una fonte costante di denaro. Insomma, con questi ads gli editori potrebbero essere incentivati a pubblicare video rilevanti anche su Facebook, e non solo su YouTube.
E dato che lo spot comparirà solo dopo 20 secondi, gli editori saranno portati a creare video di maggiore qualità.
Cosa ne pensate?
 
Link all’articolo originale: Facebook vuole testare gli ads nei video pubblicati sul social network

Source

Tag:

Apple rilascia iOS 10.2.1 beta 3 agli sviluppatori

9 gennaio 2017 Nessun commento

Apple ha da poco rilasciato la terza beta di iOS 10.2.1 agli sviluppatori.

Questa terza beta non apporta novità, ma corregge alcuni bug e migliora le prestazioni generali. Al momento, la beta 3 di iOS 10.2.1 è disponibile solo per gli sviluppatori.
 
Link all’articolo originale: Apple rilascia iOS 10.2.1 beta 3 agli sviluppatori

Source

Tag:

Apple rilascia le beta 2 di tvOS 10.1.1 e di watchOS 3.1.3

9 gennaio 2017 Nessun commento

Dopo iOS, Apple ha rilasciato la seconda beta di tvOS 10.1.1 e di watchOS 3.1.3.

Come per iOS, non ci sono novità ma solo correzione di bug e miglioramento delle prestazioni generali.
 
Link all’articolo originale: Apple rilascia le beta 2 di tvOS 10.1.1 e di watchOS 3.1.3

Source

Tag:

Piccola galleria fotografica di questi (primi) 10 anni di iPhone

9 gennaio 2017 Nessun commento

Era il 9 Gennaio del 2007, quando uno Steve Jobs ancora in forma smagliante scalpitava sul palco del MacWorld, presentando il primo iPhone. Da allora molte cose sono cambiate, e anche gli iPhone!, a volte inseguendo altre volte dettando il progresso tecnologico. Ad oggi sono ben 12 i modelli di smartphone prodotti da Apple. Ripercorriamo insieme questi 10 anni di melafonino!

Source

Tag:

WeChat lancia mini app e giochi sulla piattaforma di messaggistica

9 gennaio 2017 Nessun commento

Il fondatore e CEO di WeChat, Allan Zhang, ha lanciato una serie di app e giochi per tutti gli smartphone all’interno di WeChat. Questi contenuti vengono chiamati “mini programs” e, verosimilmente, vogliono contrastare i contenuti presenti in iMessage di Apple.

WeChat ha lanciato oggi le applicazioni per la sua piattaforma e la notizia riportata inizialmente dal Wall Street Journal. Si tratta di app leggere e che consumano davvero pochi dati e poco spazio sui device. In sostanza parliamo quindi di giochi e piccole app offerte all’interno di WeChat, contenuti che si configurano come applicazioni semplici e basilari, adesivi e piccoli giochi. Tutto questo non è ancora catalogato in uno store ma è reso disponibile via codice QR. Per ora le app sono gratis ma è possibile che in futuro diventino a pagamento.
A cosa serve tutto questo? Probabilmente a sfidare Apple con lo store di iMessage. Staremo a vedere come proseguirà la diffusione di questi “mini programs”. Vi ricordiamo che WeChat è disponibile su App Store gratuitamente a quest’indirizzo. 
Fonte: AppleInsider
Link all’articolo originale: WeChat lancia mini app e giochi sulla piattaforma di messaggistica

Source

Tag:

Utenti business, solo per oggi Vodafone sconta per sempre l’offerta RED+

9 gennaio 2017 Nessun commento

L’offerta per partite IVA di Vodafone RED+ è in promozione solo per la giornata di oggi, con attivazione gratuita e sconto per sempre a 29,90€ anziché 39,90€.

RED+ per partite IVA include la navigazione illimitata su Internet (fino a 1 GB al secondo grazie a IperFibra), le chiamate illimitate verso i numeri fissi e i numeri mobili nazionali, 100 minuti per le chiamate in Europa, la possibilità di usufruire di un tecnico Vodafone e il doppio Wi-Fi per i clienti.
Ecco che cosa include questa offerta per la banda larga:

Navigazione Internet con ADSL da 20 Mega al secondo o fibra ottica, nelle zone coperte da tecnologia FTTH a Milano, Bologna e Torino con una velocità fino a 1 Gbit/s in download e 200 Mega in upload, inclusa per i primi 3 mesi. Per continuare a sfruttare la velocità della fibra dopo questo lasso di tempo, il costo del canone è maggiorato di 5 euro ogni 4 settimane.
Minuti verso numeri fissi nazionali e numeri mobili nazionali illimitati e senza scatto alla risposta
500 minuti verso i numeri europei
1 linea telefonica
Tecnico specializzato Vodafone per un’installazione senza problemi, veloce e sicura
Rete Wi-Fi dedicata per i clienti, senza ridurre le prestazioni della propria linea
Connessione sempre garantita grazie alla Vodafone Internet Key inclusa nell’offerta, anche nel caso in cui non fosse momentaneamente disponibile l’ADSL o la fibra ottica o in caso di visita dai clienti
Modem Vodafone Station Revolution con Super Wi-Fi per raggiungere anche le zone più lontane del’ufficio incluso
4 caselle email aziendali da 200 MB con servizio di Posta Elettronica Certificata, per spedire le e-mail come raccomandate con ricevuta di ritorno
Vodafone Fax, il servizio per ricevere e inviare fax direttamente online ovunque ci si trovi

L’offerta è attivabile da questo link.
Link all’articolo originale: Utenti business, solo per oggi Vodafone sconta per sempre l’offerta RED+

Source

Tag: