Archivio

Archivio per giugno 2017

Alpine presenta il primo ricevitore compatibile con Apple CarPlay Wireless

30 giugno 2017 Nessun commento

Alpine ha annunciato il nuovo iLX-107, un ricevitore in-Dash che supporta Apple CarPlay via wireless.

Alpine iLX-107 è il primo ricevitore che consente di montare aftermarket il sistema CarPlay Wireless in auto. Una volta installato in auto, infatti, avremo a disposizione tutte le funzioni di CarPlay utilizzabili collegando via wireless (e non USB) l’iPhone. Avremo quindi la possibilità di utilizzare le varie funzioni dell’iPhone direttamente dal touchscreen dell’iLX-107, con collegamento automatico che si attiva non appena il veicolo viene acceso. Lo schermo è da 7″ VGA.
Alpine iLX-107 costa 900$ e al momento è disponibile solo negli USA. Arriverà in Europa nelle prossime settimane.
Link all’articolo originale: Alpine presenta il primo ricevitore compatibile con Apple CarPlay Wireless

Source

Tag:

Lo smartphone provoca insonnia tra i ragazzi

30 giugno 2017 Nessun commento

Nulla di particolarmente nuovo, ma una recente ricerca condotta dall’Università di Oxford e riportata da Wired conferma ancora una volta che usare lo smartphone prima di andare a letto può provocare seri disturbi del sonno, soprattutto tra i ragazzi più giovani.

I ricercatori affermano che la dipendenza da smartphone sta provocando un ulteriore ritardo nell’insorgenza del sonno, con alcuni ragazzi che dormono solo 6 ore a notte. Il risultato è quella di una stanchezza cronica e di scarse prestazioni a scuola. L’iPhone è tra gli smartphone più popolari tra i ragazzi, ma lo studio riguarda chiaramente tutti gli smartphone moderni.
Secondo i ricercatori dell’Università di Oxford, i teenager dovrebbero dormire 9 ore a notte, altrimenti le loro prestazioni scolastiche rischiano seriamente di risentirne. Tra i colpevoli, ci sono soprattutto la navigazione sui siti web e i social network, che a volte “rubano” dalle due alle tre ore di sonno.
Per cercare di combattere almeno in parte questo problema, Apple ha adottato una serie di filtri sullo schermo che attenuano alcuni colori poco consigliati per la visualizzazione durante le ore buie. Questo, però, va associato ad un buon uso del dispositivo, che mai dovrebbe essere usato poco prima di andare a dormire.
La buona notizia, aggiungono gli esperti, è che Apple e gli altri produttori stanno lavorando ad una serie di sistemi per offrire consigli su come dormire al meglio e monitorare anche lo stato del sonno.
Un altro elemento collegato all’uso prolungato degli smartphone riguarda la vista: lo stesso studio, infatti, dimostra che i problemi agli occhi tra i più giovani sono aumentanti considerevolmente negli ultimi 10 anni. Parte di questo dato è attribuibile proprio all’uso prolungato di smartphone e computer.
Link all’articolo originale: Lo smartphone provoca insonnia tra i ragazzi

Source

Tag:

ARKit potrebbe distruggere il Project Tango di Google

30 giugno 2017 diwali essay in english

Google sta lavorando da anni al Project Tango dedicato alla realtà virtuale e alla realtà aumentata ma, come notato da 9to5Google, Apple con il suo ARKit potrebbe sbaragliare la concorrenza.

Malgrado performance inferiori offerte dagli iPhone, ARKit potrebbe avere un grandissimo vantaggio rispetto all’hardware superiore del Project Tango: le app. Già ora stiamo vedendo diversi sviluppatori che hanno creato app di vario tipo, che vanno dal Minecraft nel mondo reale, fino agli oggetti da poter inserire in casa o al metro da poter utilizzare per effettuare qualsiasi misurazione.
Il Project Tango utilizza una varietà di sensori che lavorano con sensori e telecamere pensate per mappare con precisione l’area circostante, allo scopo di ottimizzare dimensioni e angolatura degli oggetti virtuali rispetto a quelli reali. Tango è stato provato sul Lenovo Phab 2 Pro e sull’ASUS Zenfone AR, ma in entrambi i casi vengono richiesti un sacco di sensori hardware per far funzionare il tutto. La nota più dolente è data dalle app, visto che l’ecosistema software non è praticamente ancora realtà.
Con iOS 11, invece, ARKit sarà compatibile anche con iPhone più datati e permetterà di utilizzare al meglio la realtà aumentata, sfruttando i sensori già presenti sui dispositivi. La vera forza è data dalle app, visto che gli sviluppatori potranno sfruttare proprio l’ARKit per creare in maniera abbastanza semplice software compatibili con la realtà aumentata. Entro fine anno siamo sicuri ci saranno tantissimi titoli per AR su iPhone. E Tango rischia di morire ancor prima di nascere…
Link all’articolo originale: ARKit potrebbe distruggere il Project Tango di Google

http://forellenpark-wagner.de/index.php/best-mba-essay-editing-service/

Tag:

Facebook attiva la ricerca dei Wi-Fi gratuiti in tutto il mondo

30 giugno 2017 Nessun commento

Facebook sta espandendo a tutto il mondo la funzionalità di ricerca dei Wi-Fi free, dopo l’avvio in alcuni paesi nel 2016.

Questa funzionalità permette alle aziende di condividere con Facebook il fatto che offrono gratuitamente i servizi Wi-Fi ai propri visitatori e clienti. A sua volta, Facebook può promuovere queste aziende agli utenti che hanno bisogno di una migliore connessione internet quando si trovano in un determinato luogo.
In pratica, questa funzione controlla la posizione dell’utente e l’orario del giorno per consigliare gli hotspot free più vicini e disponibili, con tanto di informazioni commerciali sull’orario e sul nome della rete. Tutte le info vengono mostrate sia su una mappa che in un’apposita lista.
L’unico inconveniente è che l’utente deve tenere attiva su “Sempre” la localizzazione di Facebook per poter sfruttare questa funzionalità di ricerca Wi-Fi. L’impostazione “Mentre usi l’app” non consente infatti di avviare la ricerca.
 
 
Link all’articolo originale: Facebook attiva la ricerca dei Wi-Fi gratuiti in tutto il mondo

Source

Tag:

10 anni di iOS (e non solo di iPhone!)

30 giugno 2017 Nessun commento

Sapevi che iOS non si è sempre chiamato così? E che non è sempre stato gratuito aggiornarlo? Sapevi che una volta non era possibile girare video, e nemmeno usare lo zoom nelle foto? E da quando è diventato possibile creare cartelle di App? Nei giorni del decimo anniversario dell’uscita in commercio del primo, rivoluzionario iPhone, ripercorriamo insieme la storia dell’altra metà della Mela.. iOS!

Source

Tag:

Samsung conferma la più grossa produzione di display OLED

30 giugno 2017 Nessun commento

Apple ormai sta puntando molto forte sui display OLED e, finalmente, dopo averne visto la sua introduzione su Apple Watch, anche il prossimo iPhone potrebbe montare un display dotato di questa tecnologia.

La conferma arriva anche dalla stessa Samsung, azienda leader nel settore di questo genere di display. Il produttore coreano ha fatto sapere che ha iniziato la produzione della più grande partita di display di questo genere. Una volta entrato a pieno regime questo processo produttivo, si prevedono circa 135000 display realizzati in un solo mese di lavoro con un potenziale di crescita che arriverebbe fino a 270000.
La notizia in questo senso potrebbe quindi far pensare come Apple sia orientata non solo a portare la nuova tecnologia, per lei, sui prodotti di quest’anno, ma che entro il 2019, con un restyling abbastanza completo della line-up dei prodotti, possa essere utilizzato come standard dei prodotti di Cupertino.
Ricordiamo che i pannelli OLED hanno tra i loro pregi una saturazione superiore dei colori che permettono quindi di avere dei contrasti decisamente più marcati.
iPhone 8 sembra quindi destinato a fare un salto importante anche in questo senso diventando il primo iPhone che potrebbe montare un display di questo genere e dare il via, chissà, ad una generazione tutta nuova di prodotti.
Link all’articolo originale: Samsung conferma la più grossa produzione di display OLED

Source

Tag:

Telegram, ecco i supergruppi da 10.000 membri!

30 giugno 2017 Nessun commento

Con il nuovo aggiornamento ora disponibile su App Store, Telegram attiva i supergruppi che possono avere fino a 10.000 membri.

Telegram permette di inviare messaggi testuali, foto, documenti, video e qualsiasi tipo di file con singole persone e gruppi di persone. In questa applicazione, tutti i messaggi sono criptati e, se attivata la funzione di chat segreta, possono essere programmati per autodistruggersi dopo un certo lasso di tempo, oltre a non poter essere inviati ad altri utenti e a non lasciare traccia sui server della società. Telegram supporta anche i bot, per ricevere risposte automatiche di qualsiasi tipo.
I supergruppi possono ora avere fino a 10.000 membri. Si possono nominare gli amministratori dei supergruppi con diritti specifici e scegliere chi può aggiungere utenti, gestire i messaggi, bloccare i membri, modificare le info e l’username del gruppo, aggiungere nuovi amministratori, e tanto altro. Si possono anche limitare e bloccare i membri dei supergruppi con precisione granulare: blocchi di sola lettura, blocchi per GIF e sticker, blocchi per i media, blocchi temporanei e restrizioni. Chi ha creato il gruppo può anche controllare il nuovo registro eventi per vedere tutte le azioni di servizio eseguite dai membri e dagli amministratori del canale o del supergruppo nelle ultime 48 ore – con ricerca e filtri.Gli amministratori possono ora cercare utenti specifici tra i membri dei gruppi e dei canali.
Inoltre in questo aggiornamento:

Estensione di condivisione migliorata. Seleziona più chat e aggiungi un commento quando condividi qualcosa verso Telegram.
Nuovo widget e più opzioni 3D Touch sull’icona dell’app.
Scatta una foto o registra un video usando il 3D Touch sull’icona dell’app e inviali a più destinatari.
Cambia la lingua nelle Impostazioni.

Telegram è disponibile gratuitamente su App Store
Link all’articolo originale: Telegram, ecco i supergruppi da 10.000 membri!

Source

Tag:

Vivere oggi con l’iPhone del 2007!

30 giugno 2017 Nessun commento

In occasione dei 10 anni di vita dell’iPhone, Joanna Stern del Wall Street Journal ha pensato di effettuare un curioso test: passare del tempo utilizzato esclusivamente l’iPhone uscito nel 2007.

L’obiettivo iniziale che si era posta Joanna Stern era di utilizzare l’iPhone 2G per una settimana, ma visto come sono andate le cose l’esperimento è durato solo 12 ore! L’esperienza viene definita come “incredibile e frustrante”:
Ho passato 12 ore di totale frustrazione e di stupore completo. Cosa ho imparato? Nel 2007, l’iPhone era veramente una meraviglia tecnologica. Oggi è veramente terribile. Davvero. Quando ho chiamato mia madre, la sentivo così male e con una voce soffocata che mi sono chiesta se si trovasse nel bagno di un’aereo a 9000 metri di altezza. Ma la cosa migliore di questo esperimento è che sono andata indietro nel tempo di 10 anni e ho toccato chiaramente quali sono stati i progressi della tecnologia che troppo spesso diamo per scontata.
Tra i problemi maggiori, il ritorno dalla connessione LTE a quella 2G: per caricare un feed su Twitter ci sono voluti quasi 60 secondi, mentre l’applicazione dedicata alle Mappe è lentissima. Display con pixel visibili e colori sbiaditi. Niente Siri. Niente testo predittivo. Niente musica streaming. Pochissime app installabili. Scarsa durata della batteria. Niente flash. Niente Video. Niente auto-scatto.
La fotocamera, invece, offre ancora buoni risultati se scattiamo foto in buone condizioni di luce. Bello il design, che in tanti hanno notato mentre usavo questo iPhone. Ecco il video completo:

 
Link all’articolo originale: Vivere oggi con l’iPhone del 2007!

Source

Tag:

Koogeek presenta la nuova Light Bulb compatibile con HomeKit

30 giugno 2017 Nessun commento

Koogeek ha presentato la nuova lampadina Smart LED Wi-Fi Light Bulb, compatibile con HomeKit.

Questa lampadina costerà solo 39€ e sarà una delle più economiche per chi cerca dispositivi compatibili con la piattaforma Apple. Le lampadine smart della Koogeek, inoltre, non richiedono l’installazione di un hub come le Hue di Philips, dato che integrano una connessione Wi-Fi e si collegano direttamente con il router.
Questa nuova Light Bulb si connette facilmente all’iPhone e, tramite app, consente all’utente di controllarne accensione, spegnimento e intensità dell’illuminazione (la lampadina supporta 16 milioni di colori). E’ anche possibile programmare spegnimento e accensione.
Inoltre, la lampadina assicura fino a 25.000 ore di utilizzo a 500 lumen, con temperatura di colore che può essere regolata tra i 2.700 e i 6.000 K. Potenza 8W. Il prodotto arriverà presto anche in Italia.
 
Link all’articolo originale: Koogeek presenta la nuova Light Bulb compatibile con HomeKit

Source

Tag:

Amazon: gli sconti del 30 Giugno 2017

30 giugno 2017 Nessun commento

Anche oggi, 30 Giugno 2017, sono presenti su Amazon diversi prodotti in sconto. Scopriamo i più interessanti di seguito, nel nostro articolo dedicato.

Come di consueto, vi riportiamo di seguito i più interessanti prodotti in sconto disponibili su Amazon per la giornata odierna.

Logitech Circle Videocamera di Sicurezza a Batteria, Wireless 1080p, con Rilevamento delle Persone, Aree di Movimento e Avvisi Personalizzati al prezzo di 99,90€
Custodia antiscivolo per iPhone 7 al prezzo di 6,79€
Cinturino per Apple Watch Bandmax in pelle di vitello con fibbia in acciaio al prezzo di 21,24€
dodocool, dock di ricarica per Apple Watch al prezzo di 23,99€
AUKEY car charger con 2 Porte USB al prezzo di 6,99€
Flash Drive per iPhone da 64GB con certificazione MFI al prezzo di 78,99€

Inoltre è presente una interessante promozione con Microsoft. Fino al 30 giugno 2017, acquistando uno dei prodotti presenti in questa pagina sarà possibile ricevere un buono sconto del valore di 50 EUR valido per l’acquisto di uno o più prodotti disponibili su Amazon.it.
Le offerte indicate in questa pagina potrebbero scadere o subire variazioni senza preavviso. Il prezzo reale è quello visualizzato su Amazon al momento del checkout.
Link all’articolo originale: Amazon: gli sconti del 30 Giugno 2017

Source

Tag: