Archivio

Archivio per settembre 2017

Quanto costa ad Apple un iPhone 8?

26 settembre 2017 Nessun commento

Secondo la società di ricerca IHS Markit, iPhone 8 e iPhone 8 Plus montano componenti più costosi rispetto ad iPhone 7 e iPhone 7 Plus. Ecco tutti i dettagli.

Un iPhone 8 da 64 GB costa ad Apple 247,51 dollari di materiali, quasi 10 dollari in più rispetto ai 237,94 dollari dell’iPhone 7 da 32 GB (modello base di allora). Un iPhone 8 Plus 64 GB costa circa 288,08 dollari, contro i 270,88 dollari dell’iPhone 7 Plus. Per compensare l’aumento di questi costi, il prezzo negli USA dell’iPhone 8 64 GB è passato a 699$, rispetto ai 649$ dell’iPhone 7 da 32 GB (offrendo, però, il doppio dello spazio di archiviazione). L’iPhone 7 Plus costava invece 769$, mentre il modello attuale costa 799$.
Secondo IHS, il costo aggiuntivo è giustificato dalla maggiore memoria, dalla nuova fotocamera e del nuovo processore. I componenti più costosi di iPhone 8 e 8 Plus sono gli schermi e i contenitori meccanici che supportano la parte posteriore in vetro. Rispetto all’iPhone 7, il modulo di ricarica wireless aumenta i costi di 2 dollari, mentre le opzioni da 256 GB aumentano il prezzo di 6 dollari. Il chip A11 Bionic costa 5 dollari in più rispetto all’A10.
Ricordiamo che queste stime prendono in considerazione solo i costi dei materiali e non le spese per la produzione, la logistica, il marketing, la ricerca e sviluppo, il software e tanto altro.

Source

Tag:

Apple cerca un redattore per i contenuti sportivi live di tvOS

26 settembre 2017 Nessun commento

Apple è alla ricerca di un responsabile che possa curare i contenuti live sportivi che arriveranno presto su Apple TV, contenuti presentati dalla stessa azienda durante il lancio di tvOS 11.

Nello specifico, Apple sta cercando qualcuno con “una grande esperienza, conoscenza e passione per lo sport, sia a livello nazionale che internazionale” e che abbia “esperienze anche nel settore televisivo“.
Il redattore scelto da Apple dovrà curare i contenuti e la programmazione live delle trasmissioni sportive recentemente annunciate dall’azienda per tvOS. Il responsabile collaborerà direttamente con i team interni di Apple legati a ingegneria, marketing, analisi, design e produzione, per definire e migliorare costantemente il prodotto. L’azienda vuole una voce redazionale “riflessiva, dinamica e sempre pertinente con la programmazione sportiva su Apple TV“.
Già oggi, tvOS propone contenuti sportivi legati all’NBA e alla MLB, ma Apple ha intenzione di allargare le offerte sportive già nei prossimi mesi.

Source

Tag:

Amazon Gaming Week: torna la settimana di offerte dedicate ai fan dei videogiochi

26 settembre 2017 Nessun commento

Dal 27 settembre al 3 ottobre Amazon avvia un nuovo appuntamento alla Gaming Week, con sette giorni non stop di promozioni esclusive pensate per gli appassionati di gaming, con centinaia di promozioni su prodotti Prime e di venditori terzi. Dopo il successo della prima edizione, dal 27 settembre al 3 ottobre Amazon torna con un […]
The post Amazon Gaming Week: torna la settimana di offerte dedicate ai fan dei videogiochi appeared first on AppleMobile.it.

Source

Tag:

Jabra presenta i nuovi auricolari professionali Evolve 75e

25 settembre 2017 Nessun commento

Jabra ha presentato i nuovi auricolari Evolve 75e, progettati per offrire la massima qualità audio evitando al massimo le distrazioni.

Il design degli Evolve 75e è molto curato e bello a vedersi, malgrado si tratta di un prodotto pensato per un uso professionale. Le peculiarità del design a forma di orecchio rappresentano lo strumento più efficace per la fruizione del suono e la libertà per le mani, contribuendo la concentrazione in qualsiasi momento.
Gli Evolve 75e sfruttano al meglio anche l’ottimizzazione del microfono, eliminando il braccio dell’asta  ma mantenendo una qualità vocale di livello professionale. La vestibilità del collarino offre flessibilità e mobilità, migliorando la collaborazione in ufficio e garantendo elasticità a coloro che effettuano chiamate di lavoro sia all’interno, che all’esterno dell’ufficio.

Con il contemporaneo rilascio delle certificazioni standard Jabra Evolve UC a ulteriore garanzia, gli auricolari assicurano chiamate in conferenza di alta qualità e l’adozione di UC. Autonomia fino a 10 ore in utilizzo.
Le cuffie Jabra Evolve 75 saranno disponibili dalla fine del quarto trimestre 2017 negli Stati Uniti, e dal primo del 2018 nel resto del mondo, a un prezzo di vendita suggerito 239 euro.

Source

Tag:

E se fosse stato iPhone SE ad avere il design di iPhone X? Vediamolo in questi render!

25 settembre 2017 Nessun commento

Indubbiamente il design di iPhone X può piacere e non piacere, ma è oggettivo dire sia davvero originale! E se anche iPhone SE ne fosse stato dotato?

Ormai conosciamo ogni minimo dettaglio dell’estetica di iPhone X, la presentazione ce lo ha svelato in ogni sua minima parte: in verità lo conoscevamo da mesi e mesi prima della sua ufficializzazione grazie a dei rumors – quest’anno – molto precisi e corretti.
Ma se immaginassimo il design iPhone X sul più piccolo iPhone presente sul mercato? I ragazzi che curano Curved.de lo hanno immaginato e disegnato con alcuni render davvero ben realizzati che vi mostriamo.
Ricordiamo che il display di iPhone SE ha una diagonale di 4 pollici e le cornici che lo abbracciano sono le medesime di quelle realizzate su iPhone 5/5S.
Questo vuol dire che se eliminassimo le cornici in pianta e limitassimo il pannello alla sua dimensione da 4 pollici, il dispositivo risulterebbe ancora più piccolo ma sopratutto più maneggevole!

Al contrario, se utilizzassimo le dimensioni totali dell’attuale iPhone SE e al posto delle cornici ci aggiungessimo porzione di display, quest’ultimo aumenterebbe la sua dimensione e diventerebbe da ben 4,7 pollici (verrebbe sacrificato anche il sensore delle impronte digitali).
I render che vediamo all’interno dell’articolo non solo immaginano il frontale del terminale, ma anche la parte posteriore: qui infatti è presente una Dual Cam ma in posizione orizzontale.
Quindi, questa sarebbe una versione di iPhone X nelle dimensioni di un iPhone SE: davvero notevole ma per ora un sogno!

E’ certo come ancora nel 2017 ci sono persone che prediligono un dispositivo di dimensioni contenute, e un design del genere poteva sicuramente essere apprezzatissimo per una variante parallela del più piccolino attualmente a catalogo Apple.
Magari chissà, il prossimo anno Apple potrebbe pensarci e sicuramente avrebbe un senso proporre due terminali simili per design ma di dimensioni differenti!
Dopotutto per

Source

Tag:

Lo spettacolare tramonto su Apple Park ripreso da un drone 4K

25 settembre 2017 Nessun commento

Durante l’evento di presentazione dei nuovi iPhone abbiamo potuto ammirare lo splendido Apple Park in tanti nuovi scatti, che ci hanno consentito di apprezzare la meravigliosa struttura che ospiterà il campus di Apple.

In uno spettacolare volo radente, il drone con videocamera 4K di Matthew Roberts ci mostra in un filmato il bellissimo tramonto che avvolge la spettacolare struttura di Apple. Molte nelle sezioni dell’edificio sono già state rese note da Apple durante l’evento ma il video realizzato dal drone offre comunque una visuale mozzafiato anche dell’interno della struttura oltre che della parte esterna.
Nel video sono visibili dei grossi pannelli che sembrano coprire una sorta di atrio, la cui progettazione è volta a fornire una maggior quantità di luce al centro dell’edificio.
Non si notano enormi progressi rispetto a quanto già visto in precedenza, tuttavia i lavori continuano a pieno ritmo. Vi lasciamo allo spettacolare video in questione.

 

Source

Tag:

macOS High Sierra ora disponibile

25 settembre 2017 Nessun commento

macOS High Sierra, il nuovo sistema operativo di Apple per Mac, è ora disponibile gratuitamente per il download. macOS High Sierra introduce importanti novità, come il blocco dei video in autoplay su Safari, Foto con una nuova interfaccia e il nuovo Apple File System.  AppleMobile ha realizzato uno speciale dedicato a High Sierra disponibile qui. Il nuovo sistema operativo è […]
The post macOS High Sierra ora disponibile appeared first on AppleMobile.it.

Source

Tag:

KGI: “Richieste per 50 milioni di iPhone X, ci saranno ritardi di mesi”

25 settembre 2017 Nessun commento

Continua a tenere banco la questione produzione iPhone X, con ulteriori conferme sulle difficoltà che sta riscontrando Apple nell’offrire un numero sufficiente di unità entro fine anno.

Gli analisti della KGI confermano i rumor di questa mattina: i fornitori stanno producendo solo il 40% dei componenti originariamente previsti per la produzione dell’iPhone X. Si tratta di un problema molto grave, visto che la stessa KGI prevede una richiesta enorme di questo dispositivo, pari a 40-50 milioni di unità.
Da una parte, Apple vuole valutare la richiesta di iPhone 8 prima di accelerare la produzione dell’iPhone X a partire da novembre, dall’altra ci sono problemi pratici che stanno rallentando tutto il processo. In particolare, il problema riguarderebbe le fotocamere TrueDepth utilizzate anche per il riconoscimento facciale. Queste fotocamere integrano molti più sensori del solito, il che rende difficile raggiungere la produzione di massa in tempi brevi.
Addirittura, secondo KGI Apple riuscirà a raggiungere la cifra dei 50 milioni di iPhone X prodotti solo nella primavera del 2018. Tutto dipenderà quindi dal numero di pre-ordini e di richieste, visto che alcuni utenti potrebbero ritrovarsi attese di 1-2 mesi prima di ricevere il dispositivo.
 

Source

Tag:

iPhone 8 e la ricarica veloce: quanto tempo impiega per arrivare al 50%?

25 settembre 2017 Nessun commento

I nuovi iPhone 8 e iPhone 8 Plus integrano la ricarica veloce, funzione che permette agli utenti di velocizzare una delle operazioni più odiate in assoluto. I primi test sulla velocità di caricamento sono molto incoraggianti.

Per poter sfruttare la ricarica veloce su iPhone 8 e iPhone 8 Plus è necessario utilizzare un alimentatore USB-C. La stessa Apple spiega che la carica dei nuovi iPhone può essere portata dallo 0 al 50% entro 30 minuti, utilizzando un alimentatore Apple USB-C. L’azienda ha rilasciato info anche sull’autonomia: 12 ore di utilizzo con internet attivo su iPhone 8 e iPhone X, 13 ore su iPhone 8 Plus. Per la ricarica veloce è quindi necessario utilizzare un alimentatore USB-C e, chiaramente, un cavo Lightning.  I prezzi di questi alimentatori sono di 59€ (29W), 79€ (61W) e 89€ (87W).
iCrakUriDevice ha realizzato un primo test sulla velocità di ricarica dell’iPhone 8 Plus utilizzando l’alimentatore USB-C da 29W di Apple. Il test conferma quanto detto da Apple: la batteria dell’iPhone 8 Plus si ricarica dallo 0% al 50% in 30 minuti.

Nel video si vede anche un confronto con alcuni terminali Android, con il OnePlus 5 che ha battuto tutti, ma con l’iPhone 8 Plus che si è avvicinato alle prestazioni dell’HTC U11.
Insomma, ricarica veloce promossa a pieni voti sui nuovi iPhone. L’unico inconveniente è la necessità di acquistare un cavo Lightning-to-USB-C e un alimentatore USB-C (si può utilizzare quello dei nuovi MacBook chiaramente).

Source

Tag:

Apple cambia motore di ricerca per Siri: da Bing a Google

25 settembre 2017 Nessun commento

Apple ha ufficializzato di aver cambiato il motore di ricerca predefinito su Siri e su “Search in iOS” (il vecchio Spotlight), passando da Bing a Google.

A partire da oggi, negli USA in primis e poi nel resto del mondo, Siri effettuerà le ricerche su Google e non più su Bing al fine di ottenere un numero maggiore di risultati. La novità è stata confermata dalla stessa Apple:
Passare a Google come provider di ricerca web per Siri e Search in iOS permetterà a questi servizi di avere un’esperienza di ricerca coerente con l’impostazione predefinita di Safari. Abbiamo stretti rapporti con Google e Microsoft e siamo impegnati a fornire la migliore esperienza utente possibile
I risultati includono link, immagini e video. I risultati per la ricerca di video specifici saranno collegati direttamente a YouTube. Tutti i risultati di ricerca arriveranno direttamente dall’app Google, il che significa che saranno classificati anche in base agli annunci pubblicitari per quelle determinate ricerche.
Ricordiamo che Google ha guadagnato un sacco di soldi grazie alle ricerche di default su Safari e ora le cose potrebbero migliorare grazie a Siri.

Source

Tag: