Archivio

Archivio per la categoria ‘Iphone’

Su Apple Music il documentario “Give Me Future” dei Major Lazer

20 ottobre 2017 Nessun commento

Nel marzo del 2016, Barack Obama è stato il primo presidente USA a visitare Cuba dopo 88 anni, segnando una pagina importante nelle relazioni politiche tra i due stati. Nello stesso mese, il gruppo di musica elettronica dei Major Lazer finanziò il primo grande concerto cubano-americano a L’Avana, in un evento che attirò quasi mezzo milione di partecipanti. Tutto questo è stato raccontato in un documentario che vedremo su Apple Music.

Il documentario “Give Me Future” ha debuttato al Sundance Film Festival ottenendo delle ottime critiche e sarà trasmesso su Apple Music dal 17 novembre.
Apple ha pubblicato anche il primo trailer dedicato a questo documentario:

Give Me Future non mostra soltanto il dietro le quinte dell’organizzazione dell’evento, ma offre anche uno sguardo approfondito sul clima politico attuale a Cuba. Non mancano interviste ai Major Lazer e agli altri protagonisti dell’evento.
Il documentario sarà disponibile su Apple Music a partire dal 17 novembre.
Link all’articolo originale: Su Apple Music il documentario “Give Me Future” dei Major Lazer

Source

Tag:

iOS 11.1 beta 4 disponibile per gli sviluppatori

20 ottobre 2017 Nessun commento

Apple ha rilasciato la quarta beta di iOS 11.1. Al momento, la beta è disponibile solo per gli sviluppatori, ma tra qualche ora verrà pubblicata anche per gli iscritti al programma di beta testing pubblico. La beta 4 di iOS 11.1 non sembra aggiungere novità rispetto alla beta 3, ma si limita soltanto a correggere […]
The post iOS 11.1 beta 4 disponibile per gli sviluppatori appeared first on AppleMobile.it.

Source

Tag:

Apple rilacia le beta 4 di iOS 11.1, watchOS 4.1 e tvOS 11.1

Apple ha rilasciato le beta 4 dei suoi sistemi operativi per iPhone, Apple TV e Apple Watch.

Le beta 4 di iOS 11.1, watchOS 4.1 e tvOS 11.1 non apportano novità, ma si limitano a correggere alcuni bug e a migliorare le prestazioni generali. Al momento, le varie beta 4 sono disponibili solo per gli sviluppatori.
Link all’articolo originale: Apple rilacia le beta 4 di iOS 11.1, watchOS 4.1 e tvOS 11.1

ethical issues multicultural counseling

Tag:

Come scattare e modificare Live Photo con iOS 11

20 ottobre 2017 Nessun commento

Con iOS 11 le Live Photo possono essere anche modificate, grazie ai nuovi effetti proposti da Apple. Ecco come.   Le Live Photos registrano cosa accade 1,5 secondi prima e dopo lo scatto di una foto con l’obiettivo di immortalare momenti importanti anche quando non si sta registrando un video. Le Live Photos sono attive di […]
The post Come scattare e modificare Live Photo con iOS 11 appeared first on AppleMobile.it.

Source

Tag:

iPhone X e problemi di produzione, il COO di Apple Jeff Williams parlerà con il presidente di Foxconn

20 ottobre 2017 Nessun commento

Il responsabile operativo di Apple Jeff Williams si incontrerà a fine mese con il presidente di Foxconn Terry Gou per discutere dei problemi che stanno frenando la produzione dell’iPhone X.

Come riferito dal Nikkei Asian Review, Williams e Gou parleranno direttamente dei modi per affrontare i vari problemi che stanno rallentando la produzione dell’iPhone X. Williams sarà prima a Taiwan per il trentunesimo anniversario della TSMC, fornitore esclusivo del chip A11 di Apple, e poi si recherà in Cina per parlare con il presidente di Foxconn.
A quanto pare, i problemi riguardano il modulo dell’antenna e il sensore 3D della fotocamera frontale. Inizialmente, dovrebbero essere disponibili tra i 2 e i 3 milioni di iPhone X, troppo pochi per soddisfare la domanda degli utenti.
Questo incontro dovrebbe velocizzare la risoluzione di parte di questi problemi.
Link all’articolo originale: iPhone X e problemi di produzione, il COO di Apple Jeff Williams parlerà con il presidente di Foxconn

Source

Tag:

Apple: solamente 2-3 milioni di iPhone X disponibili al lancio

20 ottobre 2017 Nessun commento

Secondo l’analista Ming-Chi Kuo, Apple avrebbe risolto solo alcuni problemi di produzione. Tuttavia al lancio, saranno disponibili solo 2-3 milioni di iPhone X.   Secondo Kuo, l’ostacolo più grande è stato probabilmente la realizzazione del circuito stampato flessibile (FPCB) per l’antenna del nuovo iPhone, a causa di una maggiore complessità che ne ha rallentato la realizzazione. Per […]
The post Apple: solamente 2-3 milioni di iPhone X disponibili al lancio appeared first on AppleMobile.it.

Source

Tag:

Apple toglie le app VPN dallo store cinese, due senatori USA chiedono chiarimenti

20 ottobre 2017 Nessun commento

Qualche mese fa, Apple è stata costretta a rimuovere diverse app VPN dall’App Store in Cina per rispettare le norme del paese. Tim Cook spiegò che Apple avrebbe preferito non rimuovere quelle app, ma anche che l’azienda era costretta a rispettare le norme locali. Ora, i senatori degli Stati Uniti Ted Cruz e Patrick Leahy hanno chiesto maggiori informazioni su questa vicenda.

La Cina ha una serie di regolamenti molto rigorosi in termini di accesso a internet, visto che molti siti e social network sono vietati e/o oscurati. Per questo motivo, nel paese fioccano i VPN, uno dei pochi modi che permette alle persone che abiano in Cina di eludere questo grande Firewall governativo. Molte app di VPN sono presenti anche su App Store, ma in Cina sono state tutte rimosse per rispettare le norme locali. Apple è stata costretta a rispettare queste norme per non mettersi contro il governo cinese, anche perchè la Cina rimane uno dei mercati potenzialmente più importanti per Apple.
Negli USA, però, vogliono vederci chiaro: i senatori Ted Cruz e Patrick Leahy  hanno inviato una lettera a Tim Cook per capire se Apple ha intenzione di appoggiare il governo cinese nella sua opera di censura sui contenuti online, considerando che la Cina ha “un numero enorme di violazioni sui diritti umani”.
In particolare, i due senatori mettono in mezzo anche il premio Free Expression Award 2017 del Newseum ricevuto pochi mesi fa da Tim Cook, quando il CEO di Apple affermò che “… la nostra azienda consente alle persone di tutto il mondo di parlare liberamente“. Il comportamento con le app VPN in Cina sembra però contrario a queste affermazioni:
Se da una parte i contributi di Apple per lo scambio globale delle informazioni sono ammirevoli, la rimozione delle app VPN – che permettono agli utenti cinesi di eludere il Grande Firewall governativo e

Source

Tag:

Apple denunciata per l’uso del marchio “Animoji”: c’era già un’app sullo store!

20 ottobre 2017 Nessun commento

Apple è stata denunciata per la presunta violazione del marchio Animoji, utilizzato dall’azienda per la funzionalità dell’iPhone X che permette di animare dei personaggi 3D utilizzando il nostro volto.

La denuncia è stata presentata dallo studio legale Susman Godfrey LLP per conto di Enrique Bonansea, un cittadino americano resistente in Giappone titolare della società Enomster k.k. Bonansea afferma che ha creato il nome Animoji nel 2014 e di averlo registrato all’ufficio brevetti degli Stati Uniti nel 2015.
Dal 2014, Bonansea ha utilizzato questo marchio per una sua app di messaggistica disponibile su App Store. Nella denuncia, il querelante afferma che Apple era a conoscenza di questa applicazione, tanto da aver tentato di acquisirne il marchio prima della presentazione dell’iPhone X.

Secondo i legali dell’uomo, si tratta a tutti gli effetti di una violazione volontaria e deliberata del marchio:
Con la piena consapevolezza dell’esistenza del marchio Animoji appartenente al ricorrente, Apple ha deciso di utilizzare questo nome e di fingere che il marchio fosse originale. Apple era invece ben informata sull’esistenza dell’app Animoji, tanto da aver tentato anche di acquistarne i diritti. Alcuni mesi prima della presentazione dell’iPhone X, Apple ha infatti presentato un’offerta al querelante, offerta poi respinta. Invece di utilizzare la creatività su cui Apple ha sviluppato la sua reputazione a livello mondiale, l’azienda ha semplicemente deciso di copiare il nome di un’app creata da uno sviluppatore e pubblicata sull’App Store. L’azienda avrebbe potuto cambiare il nome che aveva originariamente scelto per questa funzione, una volta appurato che il marchio Animoji era stato già registrato. Eppure, Apple ha preso la decisione di violare consapevolmente questo marchio, indipendentemente dalle conseguenze.
L’app Animoji è stata scaricata più di 18.000 volte ed è ancora disponibile su App Store. L’app viene presentata in questo modo:
Contatta istantaneamente le persone a cui tieni con messaggi animati divertenti e completamente personalizzati. Animoji è

Source

Tag:

“Lisbon” e “Hangzhou”, i nomi in codice degli iPhone 2018 che costeranno meno dell’X

20 ottobre 2017 Nessun commento

Dalla Cina arriva la notizia che gli iPhone del 2018 avranno tutte le caratteristiche dell’iPhone X, ma ad un prezzo più basso. I nomi in codice dei due dispositivi sono “Lisbon” e “Hangzhou”.

Se confermati, i nomi in codice “Lisbon” e “Hangzhou” sarebbero i primi legati ad una città. Di solito, infatti, Apple utilizza codici alfanumerici come D22 (iPhone X) o D20 (iPhone 8), e in rari casi ha utilizzato nomi di autovetture di lusso.
Questi due iPhone che usciranno nell’autunno del 2018 dovrebbero avere lo stesso design e tutte le caratteristiche dell’iPhone X, con processore e fotocamera migliorati. La vera novità riguarderebbe il prezzo, dato che le ottimizzazioni nella catena di produzione dovrebbero consentire ad Apple di vendere questi nuovi iPhone ad un prezzo di circa 90$ in meno all’iPhone X.
Con un prezzo più basso, Apple potrebbe aumentare la sua quota di mercato anche in Cina, dove il rischio è che l’iPhone X venda davvero poco rispetto alla concorrenza.
Link all’articolo originale: “Lisbon” e “Hangzhou”, i nomi in codice degli iPhone 2018 che costeranno meno dell’X

Source

Tag:

Il CEO di Roger conferma una bassa richiesta di iPhone 8

20 ottobre 2017 Nessun commento

Il CEO di Roger Communications, importante carrier canadese, ha dichiarato che la richiesta di iPhone 8 e iPhone 8 Plus è “anemica” e molto più bassa rispetto agli anni passati.

Il CEO di Roger Joe McCard ha infatti dichiarato che in queste settimane è stato notato “…un appetito anemico per l’iPhone 8“. E sull’iPhone X: “Il prezzo di questo dispositivo è molto più alto rispetto a quello dell’iPhone 7. E’ un dispositivo molto costoso. Inoltre, l’inventario è un punto interrogativo e ad oggi non sappiamo quanti pezzi ci invierà Apple”. 
Di sicuro, Apple fornirà un numero limitato di iPhone X ai carrier, almeno per le prime settimane. Ne sapremo di più a fine
Link all’articolo originale: Il CEO di Roger conferma una bassa richiesta di iPhone 8

Source

Tag: