Home > Iphone > Direwolf: l’Apple Watch diventa l’antifurto di iPhone!

Direwolf: l’Apple Watch diventa l’antifurto di iPhone!

Direwolf è l’applicazione che trasforma la connessione tra iPhone ed Apple Watch in un vero e proprio sistema antifurto. Potremo usare quindi l’Apple Watch al polso per non perdere mai di vista l’iPhone e per sapere se qualcuno vuole impossessarsene? Si, e ve lo spieghiamo nella nostra recensione completa!

Direwolf è una secure app che da quando abbiamo iniziato ad provare ci è sembrata sempre più utile. Potrebbe essere un must-have per chi ha un Apple Watch in modo da mettere al sicuro il proprio iPhone con la spesa di 1,99€.
L’applicazione funziona in modo molto semplice, sempre in background, e ci permette di ricevere avvisi su Apple Watch quando ci allontaniamo troppo dal nostro iPhone (o se qualcuno lo ha preso e si sta allontanando) e quando qualcuno lo sposta o lo muove dalla sua posizione.

Non abbiamo notato eccessivi consumi di batteria, quindi l’app non è troppo avida di risorse, nonostante funzioni costantemente in background. Un consumo maggiore durante la giornata lo abbiamo notato, è chiaro, ma niente di rilevante considerando quello che offre l’applicazione.

In sostanza, si tratta di un’app progettata ad-hoc per Apple Watch che, grazie all’analisi del segnale e dell’accelerometro, ci mette a disposizione un sistema di avviso sonoro in caso di appropriazione non autorizzata del nostro device. L’app ci permette di stare tranquilli perchè fino a che non arrivano notifiche, l’iPhone sarà vicino a noi. Dovremo iniziare a preoccuparci solo quando l’Apple Watch inizierà a squillare.

Su Apple Watch possiamo attivare e disattivare il sistema, controllare le coordinate sulla mappa e guardare gli indicatori colorati che determinano la vicinanza dell’iPhone. Su iOS invece potremo scegliere di regolare la sensibilità della rilevazione di movimento.

Se avete poi bisogno di assistenza, su Twitter alla voce @direwolf_secure potrete comunicare con lo staff per risolvere eventuali problemi. Noi possiamo solo specificare questa problematica, risolvibile con l’ottimizzazione di una singola opzione nelle

Source

Tag:
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...